Lunedì, 27 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Europa

Home Europa Parlamento Ue approva nuovi diritti lavoratori gig economy

Parlamento Ue approva nuovi diritti lavoratori gig economy

Primo piano
Parlamento Ue approva nuovi diritti lavoratori gig economy

STRASBURGO - Diritti minimi per i lavoratori che svolgono un'occupazione occasionale o a breve termine, obbligo di comunicare le condizioni di lavoro il primo giorno o entro 7 giorni se giustificato ed infine un periodo di prova limitato a sei mesi. I lavoratori a chiamata, a voucher o tramite piattaforme digitali come Uber, Foodora o Deliveroo potranno godere di nuovi diritti, grazie alla normativa approvata in via definitiva dal Parlamento europeo con 466 sì, 145 no e 37 astenuti. La legge, già concordata con i ministri Ue, garantisce una serie di diritti minimi per coloro che svolgono un'occupazione occasionale o a breve termine, come i lavoratori a chiamata, intermittenti, a voucher, tramite piattaforma, così come i tirocinanti e gli apprendisti retribuiti se lavorano in media almeno tre ore alla settimana e 12 ore su quattro settimane. I lavoratori autonomi sono invece esclusi dalle nuove norme. Una volta approvato il testo ora gli Stati membri dispongono di tre anni per implementare le nuove norme.

 

© Riproduzione riservata

Con il contributo del Parlamento europeo
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook