Giovedì, 22 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo

Suzuki cavalca l'ibrido 'furbo' che piace agli italiani

Quello tra la filosofia Suzuki Hybrid e gli automobilisti italiani è amore a prima vista. In meno di tre anni dal lancio della sua originale soluzione "green", la Casa di Hamamatsu ha scalato la classifica di vendite sino a conquistare con il 9% di quota il secondo posto assoluto tra i marchi che offrono veicoli elettrificati, dietro solo al gigante Toyota.

Con Swift e Ignis che da gennaio a febbraio si sono confermate nella 'top ten' di vendite delle ibride, rispettivamente con il quarto e settimo posto, e con una gamma prodotti che comprende anche Baleno e l'abbinamento tra ibrido e Gpl, oltre che l'offerta di modelli 2wd e 4wd AllGrip, il Costruttore nipponico ha dimostrato come la sua scelta di offrire un sistema compatto e leggero fosse vincente. Si tratta di una soluzione in grado di assicurare vantaggi nei consumi a costi accessibili e senza sacrifici in termini di spazio per i passeggeri e i bagagli. Swift esalta il divertimento di guida, con la sua piattaforma leggera, robusta perfettamente integrata con un motopropulsore potente e ecologico. Baleno massimizza i concetti di risparmio e praticità in un corpo vettura di segmento B ma con spazi interni e bagagliaio da segmento C.

Ignis l'unico SUV ultracompatto del mercato, permette, come le altre Suzuki Ibride, con soli 1.000 euro di spesa aggiuntiva rispetto alla stessa vettura a benzina, di accedere ai vantaggi in termini di consumi ridotti e di facilitazioni che le amministrazioni pubbliche assicurano alle vetture ibride, come ad esempio l'accesso alle zone a traffico limitato.

Cuore del sistema sviluppato dagli ingegneri della Casa di Hamamatsu è l'Integrated Starter Generator (ISG), costituito da un alternatore che riunisce le funzioni di tre componenti (motore elettrico, alternatore e motorino di avviamento), fornendo un surplus di potenza in accelerazione e in ripresa.

Recupera energia durante le frenate, accumulandola in un'efficiente e leggera batteria agli ioni di litio da 12 V, alloggiata sotto il sedile del guidatore, che non toglie quindi spazio ai passeggeri o ai loro bagagli, come invece fanno altri sistemi più complessi e ingombranti.

La leggerezza è un altro degli assi vincenti del Suzuki Hybrid: pesa infatti in tutto appena 6,2 kg. Il dispositivo non ha bisogno di ricariche esterne. L'energia, che recupera nelle fasi di rallentamento della macchina e che altrimenti andrebbe dispersa, viene riutilizzarla automaticamente per supportare il motore termico nelle partenze e in ripresa, quando cioè occorre un maggior spunto. Il suo intervento permette una sensibile riduzione dei consumi: mediamente si attesta intorno al 10% ma con una guida attenta si possono raggiungere livelli da record, come dimostrato dai risultati riscontrati recentemente, nella prima edizione della Suzuki Hybrid Economy Run. Nella prova competitiva, disputata a inizio febbraio sulle strade della Milano-Sanremo, sono state registrate percorrenze superiori ai 30 km/litro, inferiori cioè di oltre il 30% sui dati di omologazione. Il miglior valore è stato ottenuto con una Ignis Hybrid 1.2 che ha macinato in media 31,52 km/litro, pari a 3,17 litri/100 km, 1,57 litri in meno rispetto al 4,7 l/100 km ufficiale. Al secondo posto si è piazzata una Baleno, con 30,70 km/litro. Terza con 29,08 km/litro si è classificata una Swift 1.0 Boostejet da 112 Cv, modello che è protagonista nei rally dei monomarca Suzuki in versione R1.

In promozione grazie all'iniziativa 'Think Hybrid", la tecnologia ibrida di Suzuki al momento è disponibile in Italia, appunto, per i modelli Baleno, Swift e Ignis, in abbinamento alle due e alle quattro ruote motrici, con motori 1.2 aspirato e 1.0 turbo Boosterjet e persino con l'alimentazione bifuel benzina-Gpl. Grazie alla campagna in corso i prezzi partono dai 13.600 euro della Baleno 1.2, da 14.750 euro per la Swift 1.2 e da 15.050 per la Ignis 1.2. Tutte e tre sono offerte in allestimento Top che comprende di serie cerchi in lega, clima automatico, navigatore 3D, schermo touch screen 7", telecamera posteriore, Bluetooth con comandi al volante, sistema multimediale con schermo 'touchscreen' e connettività smartphone, sedili riscaldati, cruise control.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook