Lunedì, 23 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo

Alzheimer, scoperto anticorpo che rimuove placche dal cervello

Salute e Benessere
Queste placche iniziano a formarsi prima della comparsa dei sintomi
© ANSA

 E' stato scoperto un anticorpo che fa sparire le placche amqiloidi che causano l'Alzheimer. Molto prima che le persone inizino a mostrare i sintomi caratteristici della malattia, infatti, queste placche iniziano a formarsi nel cervello, danneggiando le cellule vicine. I ricercatori della Scuola di medicina dell'Università di Washington hanno scoperto un anticorpo (l'Hae-4) che non solo colpisce la proteina Apoe delle placche amiloidi ma la spazza via. I risultati del loro lavoro (effettuato per ora sui topi) sono stati pubblicati sul Journal of Clinical Investigation. Spiegano gli studiosi come molte persone accumulino il maggior costituente delle placche (chiamato beta-amiloide) per molti anni e il cervello non riesca a liberarsene. Rimuovendo le placche, con una diagnosi precoce, potrebbe essere possibile fermare tutti quei cambiamenti nel cervello che portano al calo della memoria, alla confusione e al declino cognitivo. I ricercatori hanno notato come l'anticorpo Hae-4 colpisca direttamente l'Apoe riducendo così il danno causato causato dalle placche amiloidi. Inoltre, grazie alla sperimentazione è stato scoperto come l'Hae-4 non ha avuto alcun effetto sui livelli di Apoe che sono invece presenti nel sangue.

    Questa proteina, infatti, svolge un ruolo importante nel trasporto di grassi e colesterolo nel corpo, quindi rimuoverlo dal flusso sanguigno potrebbe portare a effetti collaterali indesiderati. Questa selezione è giustificata dagli studiosi perché la proteina Apoe presenti nelle placche ha una struttura diversa rispetto a quella presente nel plasma. (ANSA).
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook