Martedì, 19 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Salute e Benessere

Home Salute e Benessere A insegnare il romanticismo sono gli amici dell'adolescenza

A insegnare il romanticismo sono gli amici dell'adolescenza

Salute e Benessere
Ricerca dell'Università della Virginia e della James Madison University
© ANSA

Come fare a essere romantici? Nell'adolescenza c'è una scuola per diventarlo ed è quella degli amici. La qualità della vita romantica da adulti è strettamente legata all'età dello sviluppo, ma non si basa sui cuoricini scritti per la prima storia d'amore sul diario scolastico. Anzi.
    La scuola della vita sembra essere molto più seria: tutto dipende, infatti, da quali competenze si possono imparare. E' questa, in sintesi, la scoperta dei ricercatori dell'Università della Virginia e della James Madison University che è stata pubblicata su Child Development. "Sono le abilità apprese in amicizie con compagni dello stesso sesso, come la stabilità, l'assertività, l'intimità e la competenza sociale, a corrispondere più strettamente alle abilità necessarie per il successo nelle relazioni romantiche adulte", dice Joseph P. Allen, docente di psicologia all'Università della Virginia che ha guidato lo studio. Per arrivare a queste conclusioni sono stati osservati 165 ragazzi dai 13 ai 30 anni. A 13 anni si sviluppano le capacità di stabilire aspettative positive nei rapporti con i loro coetanei e l'assertività. Tra 15 e 16 anni, si acquisisce la competenza sociale, cioè la capacità dei ragazzi di stabilire amicizie strette e di gestire un'ampia gamma di relazioni con i pari. Tra i 16 e i 18 anni, invece, si sviluppa la capacità di stabilire e mantenere amicizie stabili e vicine. La scienza smentisce così il luogo comune secondo cui le storie romantiche adolescenziali poi formeranno il carattere romantico una volta adulti. "Le relazioni romantiche nell'adolescenza spesso sono fugaci e, in quanto tali, non sembrano essere il modo principale con cui gli adolescenti apprendono le competenze necessarie per il futuro", commenta Rachel K. Narr, dell'Università della Virginia, coautrice dello studio. (ANSA).
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook