Domenica, 08 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Fumando e-sigarette il rischio d'infarto cresce del 55%

Salute e Benessere
© ANSA

La sigaretta elettronica è risultata legata a maggior rischio di malattie cardiovascolari, depressione e ansia: più precisamente, chi le usa ha un rischio del 55% maggiore di infarto, del 30% maggiore di ictus e un rischio doppio di depressione e ansia.

È il risultato di un lavoro che ha coinvolto oltre 96 mila persone nel complesso, presentato al 68/imo meeting scientifico dell'American College of Cardiology da Mohinder Vindhyal, della University of Kansas School of Medicine che spiega: "fino ad ora non si sapeva molto sugli eventi cardiovascolari relativo all'uso di sigarette elettroniche. Questi dati sono un vero e proprio campanello dall'allarme e dovrebbero stimolare una maggiore consapevolezza nei confronti delle sigarette elettroniche".

"Quando il rischio di attacco di cuore aumenta del 55% tra coloro che usano le sigarette elettroniche rispetto ai non fumatori - afferma Vindhyal - non vorrei che nessuno dei miei pazienti e dei miei familiari le fumasse. Abbiamo anche visto che indipendentemente dalla frequenza d'uso, quotidiana o più sporadica, chi le fuma resta sempre a maggior rischio cardiovascolare".
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook