Domenica, 08 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Influenza problema di sanità pubblica, serve un'alleanza

Salute e Benessere
INFLUENZA
© ANSA

Mai sottovalutarla. L'influenza fa registrare a livello mondiale, secondo le stime, circa un miliardo di casi annuali, di cui 3-5 milioni gravi, con 290.000-650.000 decessi correlati per cause respiratorie. Solo nel nostro Paese quest'anno sono state colpite al momento circa sette milioni di persone. Secondo uno studio italiano del 2018 la spesa, sommata a quella per le sindromi simil influenzali, pesa in Italia sulle famiglie e sullo Stato per ben 10,7 miliardi di euro, quasi quanto una manovra economica. C'è un'arma di prevenzione, il vaccino, ancora poco utilizzata sebbene i dati siano in ripresa: solo 1 ultra 65enne su 2 e solo 1 malato cronico su 5 sceglie di farlo. Tutto questo fa dell'influenza un problema rilevante di sanità pubblica, per il quale serve un'alleanza tra tutti gli attori del sistema, come è avvenuto in Paesi come Gran Bretagna, Australia e Canada dove si registrano oggi i più elevati tassi di copertura vaccinale. Se n'è parlato alla prima edizione del Flu Summit - Alleati contro l'influenza promosso da Sanofi Pasteur, divisione vaccini di Sanofi.

"All'inizio degli anni 2000 le coperture erano abbastanza basse, dopo c'era stato un incremento tanto è vero che circa il 60 per cento degli anziani ormai si vaccinava, dopo di che a causa di alcuni incidenti enfatizzati sui mass media che però non comportavano alcun rischio per la salute c'è stata una sfiducia nel vaccino per cui le coperture vaccinali sono crollate - spiega Giovanni Rezza, direttore del Dipartimento malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità - adesso c'è una piccola ripresa, ormai da due tre anni, ma solo un anziano su due si vaccina e le cose vanno ancor peggio per quanto riguarda le persone più giovani che sono a rischio di complicanze, i malati cronici, in quanto solo una persona su cinque si vaccina. È ancora peggio per le donne in gravidanza la vaccinazione e' raccomandata al secondo trimestre le coperture vaccinali sono molto basse. Bisogna trovare quindi, attraverso campagne di informazione e la sensibilizzazione dei medici di famiglia il modo per creare fiducia, confidenza nel vaccino".

"L'influenza - aggiunge Claudio D'Amario, direttore generale della Direzione della prevenzione sanitaria del Ministero della Salute - e' un problema molto serio di sanità pubblica. Perché impatta moltissimo sia dal punto di vista della salute, che da quello sociale ed economico. Le cifre stimate sono dal 4 al 12% della popolazione italiana che ogni anno si ammala. La cosa preoccupante è che molta di questa popolazione si trova in una situazione di cronicità e di fragilità. L'obiettivo del Piano nazionale della Prevenzione e' garantire una copertura minima agli ultra 65enni e ai soggetti fragili, che dovrebbe andare teoricamente dal 75 al 95%". " È vero - rileva ancora D'Amario - che in alcune regioni questi obiettivi li abbiamo raggiunti ma mediamente la copertura annuale e andata riducendosi dopo il 2009 -2010 per raggiungere un picco insoddisfacente e anche preoccupante nel 2014. In questo momento le informazioni ci dicono che c'è un recupero importante, ma dobbiamo ancora di più impegnarci per garantire la fragilità la cronicità". 
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook