Lunedì, 23 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo

Ciproterone acetato, l'indagine shock: può provocare tumori

Quattro casi gravi di tumori intracranici diagnosticati durante la gravidanza, dopo anni dalla sospensione del farmaco a base di ciproterone acetato (Androcur e generici), associato allo sviluppo di meningiomi. Un medicinale prescritto anche contro l’acne e l’irsutismo fuori dall’indicazione autorizzata, sui cui rischi l’Agenzia per i farmaci francese Ansm ha appena pubblicato i risultati dell’inchiesta di farmacovigilanza, realizzata dal centro regionale Fernand Widal di Parigi, dopo le raccomandazioni già emanate nei mesi scorsi.

Le indagini dell’Agenzia, vista la gravità del caso, continueranno anche per mettere a punto linee guida per le donne in gravidanza con meningioma e le persone che affrontano le cure per il cambiamento di sesso che utilizzano il medicinale.

Il ciproterone acetato, infatti, blocca l’azione del testosterone sui tessuti. Normalmente viene utilizzato nei tumori della prostata o nell’ipertrofia prostatica, negli stati ipersessuali, nella cosiddetta ‘castrazione chimica’, nei disturbi dell’identità di genere e e nelle cure delle persone che desiderano sottoporsi a trattamenti per il cambio di sesso.

Ha anche una lieve attività progestinica ed è stato utilizzato largamente in Francia nella contraccezione, nel trattamento dell’acne e dell’irsutismo. Lo studio analizza 298 casi di meningioma diagnosticati tra il gennaio 2014 e l’ottobre 2018 (287 donne e 11 uomini) trattati con il farmaco, di cui 4 casi durante la gravidanza. L’analisi conferma anche i dati dell’Assicurazione malattia secondo i quali è elevato il volume della prescrizione per acne e contraccezione (56%), fuori dalle indicazioni autorizzate.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook