Venerdì, 22 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
LO STUDIO

Mangiare cibi troppo salati fa male al cervello, a rischio il deterioramento cognitivo

Mangiando troppo sale si rischia di compromettere il cervello, favorendo il declino cognitivo. E' l'ipotesi che la scienza sta studiando e che ha trovato una prima conferenza in uno studio pubblicato su "Nature" e condotto dal team dello scienziato italiano 'trapiantato' in Usa Costantino Iadecola, del Weill Cornell Medical College di New York.“

Secondo la ricerca, condotta sui topi, una dieta estremamente salata può provocare nei topi l'accumulo di tau modificata, una proteina associata a condizioni che causano demenza, fra cui l'Alzheimer. Una scoperta preoccupante, anche se "sono necessarie ulteriori ricerche per capire se i risultati possono essere validi anche nell'uomo", avvertono i ricercatori. Se ultimamente si sono moltiplicati gli allarmi relativi all'effetto dello zucchero, anche l'eccessivo consumo di sale è stato collegato dai medici al deterioramento cognitivo, ed è un fattore di rischio per la demenza.

In particolare, i topi nutriti con una dieta ricca di sale (8-16 volte superiore a una normale) erano meno abili nel riconoscere nuovi oggetti e hanno faticato molto a eseguire un test del labirinto. Gli autori spiegano come un'elevata assunzione di sale riduca la sintesi di ossido nitrico, il che porta all'attivazione di un enzima (CDK5) coinvolto nella fosforilazione della proteina tau. La buona notizia è che il deterioramento cognitivo è stato invertito nei topi, ripristinando la produzione di ossido nitrico. Gli scienziati precisano che la dieta ad alto contenuto di sale somministrata agli animali superava di parecchio i livelli consigliati nell'uomo (3-5 volte il livello raccomandato di 4-5 grammi al giorno). Tuttavia, i risultati identificano un percorso prima sconosciuto che collega abitudini alimentari e salute cognitiva. "Il che - concludono gli autori - suggerisce che evitare diete" troppo saporite "può preservare la funzione cognitiva".

Il problema, secondo Iadecola, non sta nel sale aggiunto, per esempio, quando si condisce un'insalata, ma in quello 'nascosto' nei cibi processati: il 60-70% di sodio consumato, infatti, proviene proprio da questi alimenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook