Mercoledì, 05 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Salute e Benessere

Home Salute e Benessere Al Policlinico Bari primo caso pediatrico in Italia di “Carcinoma Nut”

Al Policlinico Bari primo caso pediatrico in Italia di “Carcinoma Nut”

BARI (ITALPRESS) – Diagnosticato presso l’Unità operativa complessa di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico di Bari diretta dal dottor Nicola Santoro il primo caso pediatrico in Italia di “carcinoma NUT”. Il “carcinoma NUT” è un tumore eccezionalmente raro e a prognosi quasi invariabilmente infausta, con pochissimi casi descritti nel mondo.Il paziente, un ragazzino di 13 anni

BARI (ITALPRESS) - Diagnosticato presso l'Unità operativa complessa di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico di Bari diretta dal dottor Nicola Santoro il primo caso pediatrico in Italia di "carcinoma NUT". Il "carcinoma NUT" è un tumore eccezionalmente raro e a prognosi quasi invariabilmente infausta, con pochissimi casi descritti nel mondo.
Il paziente, un ragazzino di 13 anni della provincia di Bari, aveva una evidente tumefazione della parete toracica a sinistra. Dopo l'accurata caratterizzazione istologico-molecolare, cui si è giunti anche grazie alla collaborazione con la prof.ssa Rita Alaggio (direttrice del Servizio di Anatomia Patologia dell'Ospedale "Bambin Gesù" di Roma), il piccolo è stato sottoposto ad un intervento chirurgico multidisciplinare durato circa 10 ore.
Le equipe del professore Giuseppe Marulli (Chirurgia toracica) e dei professoe Giuseppe Giudice e professore Michele Maruccia (Chirurgia plastica), coadiuvati dall'anestesista pediatrica Giovanna Primiceri (servizio di Anestesia ospedaliera diretto da Anna Protopapa) sono riusciti nel difficile intento di asportare in maniera ampia e microscopicamente radicale la neoplasia; la parete toracica è stata quindi ricostruita con protesi in titanio ed un lembo miocutaneo microchirurgico.
Successivamente il ragazzo è stato sottoposto a trattamento radiante con tecnica Vmat, una sofisticata tecnica radioterapica, somministrato da Loredana Lapadula (servizio di Radioterapia diretto da Michele Piombino) ed ha quindi iniziato un trattamento chemio-immunoterapico intensivo. L'intero complesso programma diagnostico-terapeutico è stato coordinato da Francesco De Leonardis, medico dell'unità operativa di Oncoematologia pediatrica e condiviso con i colleghi del "Dana Farber Cancer Institute" di Boston (USA). La collaborazione con l'istituto americano è stata preziosa nell'individuare e condividere la strategia di cura del piccolo paziente. I medici di Boston, infatti, hanno per primi identificato il rarissimo tipo di tumore circa una decina di anni fa e il "Dana Farber Cancer Institute", un grosso e rinomato centro di ricerca e cura oncologica, possiede un registro di questo raro tumore e ha maturato esperienza nel disegnare la strategia di trattamento. Grazie a questo considerevole impiego di risorse e professionalità oggi il piccolo ha ottime probabilità di guarire, dimostrando quale livello di eccellenza abbia oggi raggiunto il Policlinico barese nel panorama internazionale.
(ITALPRESS).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook