Giovedì, 08 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Salute e Benessere

Home Salute e Benessere Covid, Cascio “Quarta dose a fragili e anziani fortemente raccomandata”

Covid, Cascio “Quarta dose a fragili e anziani fortemente raccomandata”

PALERMO (ITALPRESS) – “Continuo a raccomandare fortemente il vaccino a tutte le persone anziane e fragili e lo consiglio con forza, poi lo consiglio a tutti i giovani adulti. Se mi chiedete sui bambini, non lo consiglio con forza, ma al contempo sicuramente non lo sconsiglio”. Intervistato dall’Italpress, il direttore dell’Unità di malattie infettive del

PALERMO (ITALPRESS) - "Continuo a raccomandare fortemente il vaccino a tutte le persone anziane e fragili e lo consiglio con forza, poi lo consiglio a tutti i giovani adulti. Se mi chiedete sui bambini, non lo consiglio con forza, ma al contempo sicuramente non lo sconsiglio". Intervistato dall'Italpress, il direttore dell'Unità di malattie infettive del Policlinico di Palermo, Antonio Cascio, ha voluto ribadire l'importanza dei vaccini, soprattutto per anziani e fragili, in una fase di convivenza con il Covid-19 in cui la pandemia è sotto controllo, ma non bisogna abbassare la guardia. Le quarte dosi dei vaccini aggiornati sono attualmente l'unico modo per contenere la circolazione del virus, limitare lo sviluppo di nuove varianti e prevenire le forme più gravi della malattia: "Lo abbiamo detto tante volte, il vaccino non protegge bene dall'infezione perchè la maggior parte dei vaccini non proteggono dalle infezioni naturali, il vaccino ci protegge dal finire in ospedale o morire - ha spiegato Cascio - Chi finora non si è vaccinato e ha avuto la fortuna di non contrarre la malattia, teoricamente rischia di avere una malattia grave, severa, che lo può portare anche a morte".
"Non voglio fare l'uccello del cattivo augurio, perchè sin dall'inizio della pandemia si è visto che ci sono delle persone infettate che non manifestavano sintomi - ha aggiunto il medico, ricordando come le evidenze scientifiche dimostrino i vantaggi di un ciclo vaccinale completo - Le forme di malattia paucisintomatica o asintomatica sono esisistite fin dal 2020, dai primi casi si era visto che c'erano persone che si infettavano e non si ammalavano. Quindi non posso dire che necessariamente una persona che non si è vaccinata dovrà avere una forma grave e finire in terapia intensiva o morire, questo non è giusto dirlo - ha concluso - Però diciamo che ha molte più probabilità di finire in terapia intensiva o morire rispetto a chi si è vaccinato".
- foto xd6-
(ITALPRESS).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook