Mercoledì, 26 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Scienza Tecnica

Home Scienza Tecnica Scomparso il segnale di Cassini, si chiude la missione dei record

Scomparso il segnale di Cassini, si chiude la missione dei record

E' scomparso il segnale della sonda Cassini. Da questo momento è definitivamente interrotta ogni comunicazione con la sonda, ormai in balìa delle nubi e dei venti di Saturno, durante la sua discesa nell'atmosfera.

Nel momento in cui Cassini aveva iniziato la sua discesa nell'atmosfera di Saturno i suoi propulsori sono passati dal 10% al 100% della potenza e la sonda si è disintegrata dopo meno di un minuto bruciando a contatto con l'atmosfera: 83 minuti dopo la Terra ha ricevuto il suo ultimo segnale.

 

Nasa, l'esplorazione dello spazio continua, ora avamposto
Younes, l'obiettivo è la presenza fissa dell'uomo nello spazio
La missione Cassini è stata un successo e ora che si è conclusa la Nasa è intenzionata a creare un avamposto umano nello spazio. Ad affermarlo Badry Younes del Deep Space Network della Nasa in occasione del Grand Finale della missione Cassini nella sede dell'Asi di Roma. "Questa è solo la fase finale della missione, Cassini ha collezionato una serie di dati che saranno importantissimi per rivelarci ancora di più sull'atmosfera del pianeta. Quindi non è finita. Ora ci sarà una fase molto lunga di analisi di tutti i dati raccolti finora", dice Younes. "Il prossimo passo, continuare l'esplorazione del nostro sistema solare in particolare le lune di Giove, Europa, e Titano, luna di Saturno, per vedere se ci sono state o ci potrebbero essere le condizioni per l'esistenza di una qualche forma di vita. Sicuramente - continua - l'obiettivo della Nasa è avere la presenza dell'uomo fissa in qualche posto del sistema solare, e creare nei prossimi anni un avamposto per continuare l'esplorazione del sistema solare che è prioritaria, quindi continuare anche con l'esplorazione di Marte". "Importantissimo - conclude - è il fattore collaborazione fra le agenzia spaziali nessuno può andare da nessuna parte da solo per quanto riguarda l'esplorazione spaziale. Esa Asi e Nasa collaborano da tanto tempo e questo ha reso possibile una missione così importante". 

 L'addio della sonda Cassini è avvenuto a 20 anni dal suo lancio e a 13 anni dalle sue incredibili corse fra le lune e gli splendidi anelli di Saturno.

La manovra è stata seguita in diretta dalle tre agenzie spaziali e dall'Italia insieme da Asi ed Esa, nell'evento organizzato presso l'Asi, che prevede collegamenti con il centro di controllo della missione presso il Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa e con il Sardinia Radio Telescope (Srt) che sarà in ascolto degli ultimi segnali della sonda. L'ANSA ha trasmesso l'evento in diretta streaming con l'Asi sul canale Scienza e Tecnica.

Il tuffo di Cassini nell'atmosfera di Saturno, che porterà alla distruzione della sonda è l'ultimo della lunga serie cominciata nell'aprile 2017, quando Cassini ha cominciato una serie di acrobazie nel sistema degli anelli. La manovra finale è stata voluta e decisa proprio in virtù delle eccezionali scoperte fatte dalla missione, che ha inviato sulla Terra le immagini dei monti e dei fiumi di idrocarburi della più grande luna di Saturno, Titano, e i dati che indicano che i ghiacci di un'altra luna, Encelado, nascondono un oceano che potrebbe ospitare la vita. Distruggere la sonda significa, quindi, evitare che un'eventuale collisione possa distruggere l'ambiente di questi mondi, compromettendo future scoperte.

Dopo aver percorso 294 orbite in 13 anni intorno al pianeta degli anelli, la sonda si è tuffata alla velocità di circa 113.000 chilometri orari, circa 10 gradi a Nord dell'equatore di Saturno. Non è stato un addio 'silenzioso' perché anche nei primissimi istanti della discesa e fino all'ultimo momento ha continuato a inviare a Terra nuovi dati, da aggiungere a quelli raccolti negli ultimi mesi, tuffandosi tra un anello e l'altro, e che ancora per molto tempo terranno occupati ricercatori di tutto il mondo.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook