Mercoledì, 29 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Scienza Tecnica

Home Scienza Tecnica La tempesta Nate vista dai satelliti

La tempesta Nate vista dai satelliti

Scienza Tecnica
La tempesta Nate vista dal satellite Gpm (fonte:NASA/JAXA, Hal Pierce)
© ANSA

Gli occhi dei satelliti sono puntati sulla tempesta tropicale Nate, che ha già causato vittime e dispersi in Costa Rica, Nicaragua e Honduras: le immagini indicano che la tempesta si sta rafforzando e che potrebbe diventare un uragano nel fine settimana, minacciando anche le coste della Louisiana e parte della Florida.

Il satellite Gpm (Global Precipitation Measurement) della Nasa e dell'Agenzia Spaziale Giapponese (Jaxa) è passato sulla tempesta il 5 ottobre e le immagini indicano che continua rafforzarsi. La tempesta si sta muovendo verso Nord-Ovest alla velocità di 15 chilometri orari ed è accompagnata da venti che soffiano fino a 65 chilometri orari e da forti piogge. Nelle prossime ore potrebbero abbattersi temporali su una vasta area dell'America Centrale, che comprende località lontane dal centro della tempesta.

Grazie alle informazioni radar, i ricercatori del Goddard Space Flight Center della Nasa hanno creato un modello 3D della tempesta e le immagini nell'infrarosso catturate giorni scorsi dai satelliti Terra e Aqua della Nasa indicano che i forti temporali nella parte centrale della tempesta tropicale, mentre questa si trovava nella parte sud-occidentale del Mar dei Caraibi

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook