Lunedì, 26 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Scienza Tecnica

Home Scienza Tecnica Il robot autodidatta che avvita le lampadine al buio

Il robot autodidatta che avvita le lampadine al buio

Scienza Tecnica
La pinza robotica manipola una forma quadrata stampata in 3D (fonte: UCSD)
© ANSA

Può avvitare le lampadine al buio o manovrare un cacciavite senza mai averne visto uno: è davvero un autodidatta del fai-da-te, il nuovo robot sviluppato all'Università della California a San Diego. Dotato di tre dita 'morbide' ricoperte con una 'pelle' hi-tech sensibile, è in grado di percepire gli oggetti che afferra, manipolandoli senza bisogno di alcun tipo di addestramento. Presentato in Canada all'ultima conferenza internazionale sui sistemi e i robot intelligenti di Vancouver, promette di diventare un tuttofare sempre più intelligente, stampabile in 3D e pronto a lavorare nelle fabbriche.

"Abbiamo progettato questo dispositivo per simulare quello che accade quando ci mettiamo le mani in tasca e cerchiamo a tentoni le chiavi", spiega il coordinatore del progetto, Michael T. Tolley. Infatti anche il robot è dotato di dita, formate da morbide camere pneumatiche che si muovono quando viene applicata dell'aria pressurizzata: questo dà alla pinza robotica diversi gradi di libertà per manipolare gli oggetti afferrati.


(fonte: UC San Diego Bioinspired Robotics and Design Lab)

Ciascun dito è inoltre ricoperto da una pelle 'intelligente', prodotta con gomma siliconica e arricchita con sensori fatti con nanotubi di carbonio: la loro conduttività cambia mentre le dita si flettono, in modo da consentire alla pelle di riconoscere quando la pinza si muove ed entra in contatto con l'oggetto.

I dati così raccolti vengono inviati ad un quadro di controllo che li elabora per creare un modello 3D dell'oggetto. Il prossimo obiettivo degli ingegneri è quello di dotare il robot di un'intelligenza artificiale che gli consenta di apprendere dall'esperienza e di riconoscere gli oggetti, oltre che farne dei modelli.

In futuro le sue dita potrebbero essere rese più durevoli grazie alla stampa in 3D.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook