Domenica, 15 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Su Marte meno acqua del previsto

Scienza Tecnica
Nessuna evidenza dello scorrere periodico di acqua sulla superficie marziana (fonte: NASA/JPL/University of Arizona)
© ANSA

Su Marte ci sarebbe meno acqua di quanto si credesse e, soprattutto, non ci sono i rigagnoli di acqua liquida che si riteneva scorressero periodicamente. Questo, però, non esclude che possano essere esistite forme di vita elementari in passato, o che possano esistere ancora. E' quanto emerge dallo studio pubblicato sulla rivista Nature Geoscience e coordinato dall'università dell'Arizona a Tucson.

Le striature scure che erano state interpretate come canali disegnati dallo scorrimento di 'rigagnoli', sarebbero stati prodotti dal movimento di sabbia e polveri. Non si esclude comunque la presenza di acqua sul pianeta rosso, che potrebbe essere limitata a tracce di umidità. A coordinare il gruppo di ricerca sono Colin Dundas e Alfred McEwen, gli stessi ricercatori che avevano ipotizzato la presenza dei minuscoli 'canali' indicandoli con la sigla Rsl (Recurring slope lineae)

.

"Abbiamo pensato che le striature fossero dei possibili flussi di acqua liquida, ma i pendii sono più simili a quelli delle dune di sabbia asciutta", osserva Dundas. Questa osservazione, aggiunge, "supporterebbe altri dati secondo i quali Marte oggi è molto secco".

Secondo McEwen è possibile che l'acqua di Marte "sia intrappolata in sottili strati sotto la superficie" e che proprio la sua presenza destabilizzerebbe i granelli di sabbia, facendoli scivolare. Quando questo accade il suolo umido, più scuro, rimane temporaneamente scoperto, per poi asciugarsi e scomparire.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook