Sabato, 23 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Scienza Tecnica

Home Scienza Tecnica Il mondo de 'Il trono di spade' ricreato in laboratorio

Il mondo de 'Il trono di spade' ricreato in laboratorio

Scienza Tecnica
Un modello climatico simula le stagioni de 'Il trono di spade' (fonte: GOTsfile, Flickr)
© ANSA

Il fantastico mondo de 'Il trono di spade' diventa realtà, grazie ad un modello climatico che riproduce esattamente le anomale stagioni narrate nella saga: oltre a svelare come il meteo influisce sull'evoluzione della trama, la simulazione dimostra perfino che le emissioni di draghi e incendi potrebbero causare un innalzamento della temperatura simile a quello previsto nella realtà per la Terra, vittima del riscaldamento globale.

I risultati dello studio sono pubblicati in un articolo scientifico firmato scherzosamente dai ricercatori con lo pseudonimo 'Samwell Tarly', uno dei personaggi del fantasy 'Cronache del ghiaccio e del fuoco' di George R. R. Martin a cui si è ispirata la famosa serie televisiva 'Games of thrones', prossima ormai alla sua ottava stagione.

Il modello climatico, sviluppato in collaborazione con le università di Cardiff e Southampton, dimostra che la stagione invernale lungo la Barriera (l'enorme muro di ghiaccio che separa il mondo degli uomini dalle ostili terre dell'Eterno Inverno) è paragonabile a quella della Lapponia. Invece a Castel Granito, la roccaforte della Casa Lannister, il clima è simile a quello della città di Houston, in Texas. La velocità e la direzione dei venti previste nella simulazione spiegano perfino il dominio sui mari della flotta delle navi lunghe e le rotte commerciali nel mare Stretto.

"Dal momento che i modelli climatici si basano su processi scientifici basilari, sono in grado di simulare non solo la Terra attuale, ma qualsiasi pianeta, vero o immaginario, semplicemente conoscendo la posizione dei continenti, le alture e la profondità degli oceani", ricorda Dan Lunt, docente di geografia a Bristol. "Questo studio è divertente, ma ha risvolti molto seri", aggiunge Carrie Lear, docente di scienze della Terra all'Università di Cardiff. Grazie al progetto Sweet, infatti, i ricercatori stanno mettendo alla prova gli attuali modelli climatici per affinare le previsioni dei cambiamenti attesi per la fine del secolo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook