Venerdì, 30 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Scienza Tecnica

Home Scienza Tecnica Rientro anticipato per un relitto spaziale, ma non imminente

Rientro anticipato per un relitto spaziale, ma non imminente

Scienza Tecnica
Diagramma di una sonda sovietica diretta a Venere (fonte: NASA/Wikimedia Commons)
© ANSA

Il relitto della sonda sovietica Kosmos 482, diretta a Venere nel 1972 e mai arrivata a destinazione, potrebbe rientrare sulla Terra prima del previsto: entro l'anno, secondo alcuni, ma per altri questa stima potrebbe essere "prematura". La posizione del relitto spaziale e le condizioni atmosferiche e quelle del ciclo solare "lasciano ipotizzare che non si tratti di un evento imminente", ha detto all'ANSA Luciano Anselmo, dell'Istituto di scienza e tecnologie dell'informazione 'A. Faedo' del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Isti-Cnr).

A un anno dal rientro nell'atmosfera della stazione spaziale cinese Tiangong-1, torna l'attesa per un altro frammento di spazzatura cosmica in caduta incontrollata. Allo stato attuale "il rientro potrebbe avvenire l'anno prossimo o addirittura fra due o tre anni.", ha detto ancor Anselmo. C'è incertezza anche sulle condizioni della sonda: dopo il lancio, avvenuto il 31 marzo 1972, la sonda non riuscì a immettersi nell'orbita di trasferimento che le avrebbe dato la spinta verso Venere e si separò in quattro frammenti.

Di questi, due caddero dopo 48 ore sulla Nuova Zelanda e gli altri due, probabilmente la capsula e il motore, rimasero a vagare su un'orbita più alta. E' ancora presto per capire quale di questi due frammenti si stia avvicinando alla Terra. Se fosse la capsula, pesante 500 chilogrammi e costruita per resistere all'atmosfera incandescente di Venere, potrebbe superare indenne l'impatto con l'atmosfera terrestre e arrivare intera sulla Terra.

"Per quanto possa sembrare strano, questo è un vantaggio - ha rilevato Anselmo - perché da un punto di vista generale della valutazione del rischio un solo oggetto in caduta sulla Terra è meno pericoloso di una pioggia di frammenti". Se le cose dovessero andare in questo modo, "la probabilità che qualcuno venga colpito è pari a uno su 10.000, ossia non supererebbe la soglia di sicurezza" comunemente stabilita per incidenti di questo tipo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook