Domenica, 08 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Crew Dragon rientrata a Terra

Con un tuffo nell'oceano Atlantico, si è conclusa come da programma la missione di prova Demo-1 di Crew Dragon, la capsula della SpaceX progettata per restituire agli Stati Uniti la capacità di portare uomini nello spazio a otto anni dall'uscita di scena dello Space Shuttle. Il successo del viaggio di rientro con il manichino Ripley, iniziato nelle prime ore del mattino con lo sgancio automatico dalla Stazione spaziale internazionale (Iss) e proseguito senza intoppi, spiana la strada al primo volo con due astronauti previsto in  luglio.

Entusiasta per il successo della missione l'amministratore capo della Nasa, Jim Bridenstine, che su Twitter ricorda come il risultato odierno rappresenti "un'altra pietra miliare in una nuova era per il volo umano nello spazio". Il programma per i voli commerciali della Nasa "fa un ulteriore passo avanti verso il lancio di astronauti americani su razzi americani dal suolo americano". La stessa agenzia spaziale statunitense ricorda dal suo profilo social una curiosa coincidenza storica: proprio 50 anni fa, il 13 marzo 1969, rientrava a Terra con un tuffo nell'Atlantico un altro veicolo progettato per il trasporto di astronauti, ovvero l'Apollo 9.

Si accontenta (per ora) di un manichino la missione Demo-1 di Crew Drago, lanciata da Cape Canaveral lo scorso 2 marzo con il razzo Falcon 9: a bordo oltre 180 chilogrammi di materiali e rifornimenti destinati alla Stazione spaziale e un viaggiatore d'eccezione, il manichino Ripley, dotato di sensori per misurare le sollecitazioni a cui saranno sottoposti gli astronauti in carne e ossa che verranno lanciati in estate. Domenica 3 marzo il primo vero banco di prova per la capsula, che ha eseguito correttamente l'attracco al modulo Harmony della Iss in modo del tutto automatico, senza l'intervento del braccio robotico.

Dopo cinque giorni di 'parcheggio', questa mattina la capsula ha chiuso il portello e alle 8:32 (ora italiana) si è sganciata in maniera automatica dalla Stazione spaziale, iniziando il viaggio di rientro. Intorno alle 13:50 si è separata dal compartimento non pressurizzato contenente il pannello solare e il radiatore, e subito dopo ha acceso i suoi propulsori per abbandonare l'orbita: l'operazione ha richiesto 15 minuti e mezzo e ha permesso a Crew Dragon di mettersi in rotta verso l'atmosfera terrestre, mentre al largo della costa della Florida era già in posizione la nave 'Go Searcher' per il recupero in mare. La discesa della capsula è durata poco più di mezz'ora: frenata negli ultimi istanti dall'apertura dei paracaduti, si è conclusa con un tuffo nell'Atlantico tra gli applausi dei tecnici Nasa nella sala di controllo.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook