Venerdì, 30 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Scienza Tecnica

Home Scienza Tecnica Prima stima della probabilità dell'eruzione di un supervulcano

Prima stima della probabilità dell'eruzione di un supervulcano

Se oggi avvenisse una super-eruzione vulcanica, con più di 1.000 chilometri cubi di ceneri eruttate nell’atmosfera, la civiltà umana e il suo progresso tecnologico potrebbero essere riportati indietro di secoli. Lo studio di due ricercatori italiani, Paolo Papale dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) e Warner Marzocchi dell’Università Federico II di Napoli, pubblicato sulla rivista Science, evidenzia la necessità di una strategia globale per prepararsi al disastro, stimando per la prima volta la sua probabilità: da 10 a 100 volte maggiore dell’impatto di un grande asteroide, per il quale molti Paesi stanno invece approntando contromisure.

“Non si presta molta attenzione a questo tipo di possibili disastri, soprattutto perché non ne è mai avvenuta una in tempi recenti: l’ultima risale a 27.000 anni fa”, spiega all’ANSA Paolo Papale. “Ma viviamo in un mondo altamente interconnesso e per questo estremamente fragile. Anche un'eruzione meno violenta – aggiunge - avrebbe impatti molto pesanti su tutto il mondo, in modo diretto o indiretto. Basta pensare a quella del 2010 in Islanda, che a confronto è stata un’inezia, eppure ha causato il blocco del traffico aereo per una settimana e più di tre miliardi di euro di perdite”.

“L’elemento centrale della nostra ricerca sta nel fatto che per la prima volta abbiamo potuto stimare le probabilità di eventi simili, utilizzando i database delle eruzioni a livello globale”, prosegue Papale. “Nell’arco di vita di una persona, circa 100 anni, la probabilità di assistere ad una supereruzione è dello 0,12%, mentre per eruzioni leggermente meno violente sale a 3,6%”, dice il ricercatore. “Sembrano cifre piccolissime, ma in realtà sono enormi se pensiamo alle possibili catastrofiche conseguenze. Quindi abbiamo due scelte: aspettare senza fare nulla, incrociando le dita, o cominciare ad interrogarci su come dovremmo reagire – conclude – per preservare gli aspetti fondamentali della nostra civiltà”.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook