Sabato, 19 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo

I videogame potranno riconoscere le emozioni dei giocatori

I videogiochi basati sulla realtà virtuale possono diventare ancora più coinvolgenti, arrivando perfino a interagire con le emozioni dei giocatori: questo grazie a un nuovo algoritmo che riesce a riconoscere le espressioni delle persone decifrando solo la parte inferiore del volto, quella non coperta dal visore per la realtà virtuale. Il sistema, ancora in fase di sviluppo, è stato ideato dai ricercatori dell'Università Yonsei e dell'azienda Motion Device, in Corea del Sud.

Il loro lavoro è cominciato 'addestrando' tre algoritmi, ovvero tre reti neurali artificiali (chiamate DenseNet, ResNet e Inception-ResNet-V2) a riconoscere le emozioni espresse dai volti umani: per farlo, hanno utilizzato oltre 8.000 foto di 67 persone, il cui volto è stato coperto nella parte superiore da un rettangolo nero per mimare l'indosso del visore di realtà virtuale.

Dai risultati, è emerso che i tre sistemi di intelligenza artificiale riescono a leggere le emozioni anche se non vedono tratti del volto che sono considerati cruciali nella comunicazione non verbale, come gli occhi e le sopracciglia. La rete neurale DenseNet, in particolare, ha ottenuto i risultati migliori, con un'accuratezza del 90%. La rete ResNet, invece, è risultata più efficiente nel riconoscimento delle espressioni facciali che comunicano paura e disgusto.

Il prossimo passo dei ricercatori sarà ripetere l'addestramento delle reti neurali usando immagini di volti che indossano realmente i visori, in modo da avere risultati più affidabili. Intanto, questi primi risultati aprono alla possibilità di integrare il riconoscimento delle emozioni alle tecnologie già disponibili per la realtà virtuale.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook