Sabato, 26 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Scienza Tecnica

Home Scienza Tecnica Neonati e bambini usano entrambi gli emisferi del cervello, gli adulti solo uno
LO STUDIO

Neonati e bambini usano entrambi gli emisferi del cervello, gli adulti solo uno

Neonati e bambini piccoli usano entrambi gli emisferi del cervello quando devono elaborare il linguaggio, al contrario di quanto facciano gli adulti. Per gli scienziati el Georgetown University Medical Center che lo hanno scoperto, si tratta di una sorta di superpotere. Mentre gli adulti elaborano la maggior parte dei compiti neurali discreti in aree specifiche dell’uno o dell’altro dei due emisferi del loro cervello, i giovani usano entrambi gli emisferi destro e sinistro per svolgere lo stesso compito. La scoperta suggerisce una possibile ragione per cui i bambini sembrano riprendersi da una lesione neurale molto più facilmente degli adulti. Lo studio pubblicato su PNAS si concentra su un compito, la lingua e rileva che per comprendere il linguaggio (più specificamente, elaborare frasi pronunciate), i bambini usano entrambi gli emisferi. Il gruppo di ricerca è guidato da Elissa L. Newport. «Questa è un’ottima notizia per i bambini piccoli che subiscono una lesione neurale», afferma Newport, direttore del Center for Brain Plasticity and Recovery, un’impresa comune della Georgetown University e MedStar National Rehabilitation Network.

Questi fatti suggeriscono che la lingua è distribuita in entrambi gli emisferi all’inizio della vita, dice Newport. Tuttavia, la scansione tradizionale non aveva rivelato i dettagli di questi fenomeni fino ad ora. «Non era chiaro se un forte predominio della sinistra per la lingua fosse presente alla nascita o appaia gradualmente durante lo sviluppo», spiega Newport. Ora, utilizzando la risonanza magnetica funzionale (fMRI) analizzata in modo più complesso, i ricercatori hanno dimostrato che il modello di lateralizzazione degli adulti non è stabilito nei bambini piccoli e che entrambi gli emisferi partecipano al linguaggio durante lo sviluppo iniziale. Le reti cerebrali che localizzano compiti specifici nell’uno o nell’altro emisfero iniziano durante l’infanzia ma non sono complete fino a quando un bambino ha circa 10 o 11 anni, dice. «Ora abbiamo una piattaforma migliore su cui comprendere le lesioni cerebrali e il recupero».

«L'uso di entrambi gli emisferi fornisce un meccanismo per compensare dopo una lesione neurale. Ad esempio, se l’emisfero sinistro è danneggiato da un ictus perinatale, uno che si verifica subito dopo la nascita, un bambino imparerà la lingua utilizzando l’emisfero destro. Un bambino nato con una paralisi cerebrale che danneggia un solo emisfero può sviluppare le capacità cognitive necessarie nell’altro emisfero. Il nostro studio dimostra come ciò sia possibile». Il loro studio risolve un mistero che ha lasciato perplessi medici e neuroscienziati per molto tempo, afferma Newport. In quasi tutti gli adulti, l’elaborazione delle frasi è possibile solo nell’emisfero sinistro, secondo sia la ricerca sulla scansione del cervello che i risultati clinici della perdita del linguaggio nei pazienti che hanno subito un ictus nell’emisfero sinistro. Ma nei bambini molto piccoli, è improbabile che un danno a entrambi gli emisferi provochi deficit linguistici; il linguaggio può essere ripristinato in molti pazienti anche se l’emisfero sinistro è gravemente danneggiato.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook