Sabato, 24 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo

Due italiani su tre pagherebbero di piu' la carne per il benessere degli animali da allevamento

Terra e Gusto
.
© ANSA

ROMA - Quasi 2 italiani su 3 (63%) sarebbero disposti a pagare di più per carne ottenuta rispettando al massimo il benessere degli animali. E' quanto emerge dall'analisi Coldiretti/Ixè in occasione della firma del protocollo Inalca (Gruppo Cremonini) a Roma.

Il protocollo stabilisce nuovi criteri di qualità nell'allevamento bovino, come la corretta gestione dello spazio per ogni animale, il microclima, l'organizzazione delle mandrie, le pratiche di biosicurezza, la nutrizione e l'utilizzo della paglia per la lettiera.

L'obiettivo è migliorare gli standard qualitativi della bistecca Made in Italy, in un contesto di consumo che vede il 95% degli italiani mangiare carne. Con il 18% degli italiani che ne porta in tavola meno di 100 grammi alla settimana, il 45% dai 100 ai 200 grammi e il 24% tra i 200 ed i 400 grammi - secondo l'indagine Coldiretti/Ixè -, a livello nazionale il consumo di carne risulta equilibrato, e ben al di sotto del limite di 500 grammi alla settimana consigliato dall' Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Nel 2018 - spiega una proiezione Coldiretti su dati Ismea - sono state vendute quasi 850mila tonnellate di carne (oltre 1/3 del totale era bovina), per una spesa tendenziale di circa 7,5 miliardi di euro, con un incremento di oltre il 3% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Secondo un'indagine Coldiretti/Ixè, nel Belpaese si assiste ad una svolta verso la qualità, con il 45% degli italiani che privilegia la carne proveniente da allevamenti tricolori, il 29% che sceglie carni locali e il 20% quelle a marchio Dop, Igp o con altre certificazioni di origine. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook