Martedì, 19 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

In Italia anche l'aperitivo si fa al supermercato

Pronti in pochi minuti e quindi comodi e veloci. Ma ora anche attenti alla salute, ipocalorici e vegan. E soprattutto versatili, perché adatti a qualsiasi occasione, dal consumo fuori casa, alla pausa pranzo in ufficio, a pranzi e cene domestiche.

Sono le caratteristiche dei prodotti alimentari che stanno dando vita al fenomeno del "food to go", che risponde alla crescente domanda dei consumatori e che testimonia l'evoluzione dei bisogni e l'affermarsi di nuove tendenze che accomunano l'Italia agli altri Paesi europei.

E' quanto emerge dallo studio dell'Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy, giunto alla sua quinta edizione.

Secondo la ricerca l'affermarsi della tendenza rispecchia lo spirito dei nostri tempi, come attestano le dimensioni e il trend di questo business nella distribuzione moderna: nel 2018 le vendite hanno superato quota 1,3 miliardi di euro e sono cresciute del +12,3% rispetto all'intero 2017.

Il food to go si è adattato anche ai nuovi fenomeni di consumo, come il veg o le intolleranze, e ha ampliato gli orizzonti gastronomici degli italiani, con un'offerta sempre più ampia e innovativa. Il sushi, il burger di tofu e gli snack senza glutine sono solo alcuni dei prodotti che, solo una decina di anni fa, erano introvabili nei punti vendita della distribuzione moderna.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook