Lunedì, 03 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Terra e Gusto

Home Terra e Gusto Cia “Subito legge su consumo di suolo, agricoltura sempre più a rischio”

Cia “Subito legge su consumo di suolo, agricoltura sempre più a rischio”

ROMA (ITALPRESS) - L'Italia perde ancora terreno e l'agricoltura del Paese rischia di arretrare all'avanzare di una cementificazione forsennata e pericolosa che danneggia produzioni e paesaggio, patrimonio fondamentale da tutelare con una legge ad hoc sul consumo di suolo. Così Cia-Agricoltori Italiani rilancia sull'urgenza "di un intervento serio e circostanziato del Parlamento, nuovamente sollecitato anche dai dati diffusi oggi dall'Ispra: nel 2020 sono andati persi altri 57 chilometri quadrati di territorio nazionale, al ritmo di 2 metri quadrati al secondo".
"In meno di vent'anni - ricorda Cia - la superficie edificata ha corroso oltre 2 milioni di ettari coltivati, cancellando il 16% delle campagne. Negli ultimi sette anni fino al 2019, sottolinea il rapporto Ispra, la perdita dovuta al consumo di suolo in termini di produzione agricola complessiva, ha raggiunto i 3,7 milioni di quintali per un danno economico pari a quasi 7 miliardi di euro. Nel dettaglio sono stati "cancellati" 2 milioni e mezzo di quintali di prodotti da seminativi, seguiti dalle foraggere (-710.000 quintali), dai frutteti (-266.000), dai vigneti (-200.000) e dagli oliveti (-90.000)".
"Senza contare - ribadisce l'associazione di categoria - che la mancata manutenzione del territorio, il degrado, l'incuria, la cementificazione selvaggia e abusiva, l'abbandono delle zone collinari e montane dove è venuto meno il fondamentale presidio dell'agricoltore, contribuiscono a quei fenomeni di dissesto idrogeologico che hanno reso ancora più fragile l'Italia e in quelle zone maggiormente vulnerabili e neanche ora al riparo dall'avanzare della copertura artificiale. E da anni che Cia chiede una legge contro il consumo di suolo. E' una sfida importante che vede protagonisti gli agricoltori come tutti i cittadini e che è tornata centrale anche ne "Il Paese che Vogliamo", progetto dell'organizzazione con al centro le potenzialità delle aree interne d'Italia. Serve per Cia un provvedimento basato su scelte consapevoli e di lungo respiro che guardano, oggi più di ieri, all'impatto sui cambiamenti climatici e al ruolo strategico riconosciuto all'agricoltura anche a livello europeo".
(ITALPRESS).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook