Domenica, 15 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Un italiano all'Opera dell'Oman

(di Daniela Giammusso) (ANSA) - MUSCAT, 20 MAG - Chissà se quando, ormai dieci anni fa, il sultano dell'Oman Qaboos bin Said Al Sai decise di donare al suo popolo una vera Royal Opera House, la prima (e ancora unica) della penisola arabica, aveva mai pensato che a guidarla sarebbe stato qualcuno che la tradizione del melodramma la portava scritta nel passaporto. Fatto è che oggi, mentre ci si avvicina all'immensa ROHM di Muscat, costruita con il profilo di una fortezza e il bianco assoluto dei marmi a riflettere i 40 gradi del sole rovente del deserto (ma dentro il fascino di uno dei paesi più ricchi al mondo), ancora un po' sorprende di ritrovarsi faccia a faccia con Umberto Fanni, italianissimo (anzi, come dice lui, ''metà sardo, con casa a Brescia''), dal 2014 alla guida del fiore all'occhiello della capitale omanita. Inaugurata nel 2011 con la Turandot di Zeffirelli, terza al mondo per grandezza, con tanto di galleria di negozi superlusso e l'Al Angham, il ristorante più esclusivo della città, la ROHM a settembre aprirà la sua ottava stagione con Placido Domingo, star ormai di casa, accompagnato dall'Orchestra Fondazione Arena di Verona in un Gala di romanze, duetti e trii della tradizione spagnola della zarzuela. ''Era il 2014 e pensavo sarei andato da tutt'altra parte, quando venni qui per un incontro per il posto di direttore artistico'', racconta Fanni, al tempo già al Verdi di Trieste e poi all'Arena di Verona. ''Dopo tre giorni mi arrivò la lettera di conferma.
    Dopo qualche mese la nomina anche a direttore generale''. Il suo contratto dice che rimarrà qui fino al 2020, ma i progetti in ballo sono tanti. ''Quando sono arrivato - racconta - la scommessa era trasformare un performing art center in teatro che produce Opera. Il nostro primo titolo è stato The Opera: 24 arie del più popolare repertorio operistico, dal barocco al contemporaneo, sul filo narrativo di Orfeo ed Euridice. In scena c'erano 13 cantanti dal Centro di Valencia, Placido Domingo, la partecipazione del Cirque du soleil, per la regia di Davide Livermore. Alla fine gli omaniti piangevano in platea. Il successo è stato tale che lo porteremo anche in Italia''.
    Ci si guarda intorno, tra il trionfo di scalinate e arabeschi, gli strumenti antichi in mostra nelle teche, la sofisticatissima tecnologia a disposizione della sala da 1.100 posti, e viene da pensare, come ricorda Fanni, ''che 47 anni fa qui c'era solo deserto''. A cambiare tutto, la scoperta del petrolio e un percorso ragionato del sultano (cresciuto in Europa), che in un paese da sempre considerato la ''Svizzera della penisola arabica'' attraverso la cultura vuole costruire ponti con il resto del mondo.
    La nuova stagione 2018-2019 firmata da Fanni correrà dunque sul doppio binario della tradizione occidentale e araba, in un mix di generi che abbraccia la classica come il pop. Tra gli altri arriveranno, Juan Diego Florez con il soprano egiziano Fatma Said, il tenore Vittorio Grigolo, Kristine Opolais con la European Union Youth Orchestra. Sei i titoli d'Opera tra cui spicca la Lakmé di Delibes firmata Livermore, con Jordi Bernàcer alla guida dell'Orchestra e coro del Carlo Felice di Genova (realizzata in collaborazione anche con l'Opera di Roma, Los Angeles, Astana, Cairo, Shangai, Sidney, Pechino e Arena di Verona), che debutterà a Muscat a marzo 2019 per poi girare il mondo fino al 2025. E poi ancora, Valery Gergiev con l'orchestra del Mariinsky, Mahler con la Slovak Philarmonic Orchestra, il fado di Claudia Aurora e il blues di Zucchero.
    ''Le differenze con l'Europa? Qui abbiamo 237 lavoratori, il 70% sono omaniti e tutti molto giovani - risponde Fanni - In Oman l'età media è 28 anni, è un paese giovane, dinamico, stimolante.
    Bisogna insegnare loro il mestiere del teatro. Il pubblico? Agli spettacoli d'Opera il 21% è arabo, il resto sono turisti, con il 95% di riempimento sala nelle ultime due stagioni''. Merito anche di una politica di prezzi molto accessibile, dai 10 ai 140 euro. ''E' un teatro aperto, voglio che lo sia. Il teatro per me non ha senso se non si apre al territorio''. Quanto alla cultura islamica, ''mai avuto limiti - assicura il direttore - Quando abbiamo ospitato la Traviata, anziché una meretrice, abbiamo puntato sul fatto che fosse una donna malata. Il brindisi, non è importante fosse alcool. Era una bibita''. E da parte del blasonato mondo della lirica, nessuna ostilità? ''Nel mondo dell'Opera tutto è vero e tutto non lo è. Quello che importa è l'empatia tra pubblico e palcoscenico. Nessuno mi ha mai detto 'io non vengo'. Anzi, in questi anni abbiamo ospitato quasi tutte le fondazioni lirico sinfoniche italiane. E tutti quelli che arrivano, poi vogliono tornare''. Unico rimpianto, ''non essere a casa. Noi italiani siamo i migliori al mondo in quasi tutto, ma spesso non sappiamo valutarlo''.
   

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook