Lunedì, 23 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo

Nel trevigiano museo antichi carillon

 TREVISO - Una villa settecentesca a due passi da Treviso, Villa Lattes ad Istrana, diventa il museo-scrigno per i più preziosi carillon europei prodotti negli ultimi tre secoli. Dopo il Museo Speelklok di Utrecht (Olanda) e il Museo del carillon e degli automi di Sainte-Croix (Svizzera), sarà la residenza appartenuta a Bruno Lattes, avvocato e insaziabile collezionista trevigiano, ad aprire le sue stanze per ospitare una trentina di automi unici risalenti ai secoli dal XVIII al XX e provenienti da Italia, Francia, Germania, Svizzera.
    La raccolta contempla tutti gli aspetti della riproduzione meccanica della musica, dal carillon alla "monferrina", all'armonium. Simbolo del museo è "Il tamburino", automa della seconda metà del Settecento in divisa della Repubblica di Venezia: si tratta di un pezzo unico al mondo, sia per il soggetto (tamburino appartenente alla milizia veneta), sia per l'antichità (seconda metà del Settecento, di fattura veneziana), sia per la dimensione (sfiora il metro di altezza). Una combinazione musicale, sulle note di questi rari carillon ed automi europei, accoglierà il pubblico all'inaugurazione del museo, sabato 26 maggio. Villa Lattes, oggetto di un lungo e accurato restauro, si inserisce a pieno titolo nel patrimonio architettonico, storico e artistico delle circa 4 mila ville venete presenti tra Veneto e Friuli Venezia Giulia. (ANSA).
   

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook