Sabato, 23 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Viaggi

Home Viaggi Zurigo? E' una meta balneare...

Zurigo? E' una meta balneare...

Viaggi
null
© ANSA

ZURIGO - A Zurigo si sente zampillare, gorgogliare e scorrere. Il Lago di Zurigo, nel cuore della città, e il fiume Limmat, che
si snoda attraverso quartieri emergenti e sfiora edifici storici, conferiscono a Zurigo un tocco di freschezza
mediterranea. Dai rubinetti e dalle oltre 1.200 fontane pubbliche scorre acqua potabile di ottima qualità. Che si tratti
di sport acquatici, di wellness o delle cascate del Reno, le più grandi d’Europa, a Zurigo ci sono tantissime
esperienze da vivere incentrate sull’acqua. zuerich.com/acqua

Zurigo e il culto del bagno
D’estate, Zurigo si trasforma in un parco acquatico urbano. A Zurigo ci sono circa 30 stabilimenti lacustri e fluviali
e 20 piscine all’aperto: in linea con il numero di abitanti, Zurigo è una delle città con la più alta densità di stabilimenti
balneari. Qui si fa il bagno nel Lago di Zurigo attorniati da un panorama alpino sorprendente o si nuota nel cuore
del centro storico lungo la Limmat. La cultura balneare zurighese fu fondata dagli antichi Romani, che, più di 2.000
anni fa, diedero vita al primo bagno sull’odierna Weinplatz. Ancora oggi è possibile vedere alcuni dei suoi resti.
All’inizio del XIX secolo, l’igiene divenne un importante argomento pubblico e la città di Zurigo cominciò a costruire
numerosi bagni, poiché pare che attrezzare ogni abitazione con acqua corrente risultasse più costoso: il 60 percento
delle case zurighesi, infatti, non aveva servizi igienici. Entro il 1900 furono realizzati 20 stabilimenti, rigorosamente
separati per genere e con un limite di un’ora a persona. Durante il successivo boom, recarsi ai bagni pubblici
divenne un rito quotidiano degli zurighesi, i limiti di tempo furono aboliti e lo spazio per prendere il sole aumentato.
Non c’è quindi da stupirsi che l’acqua sia da tempo un vero culto per gli abitanti del posto. Gli zurighesi amano i
loro “Badi”. Ma anche i visitatori trovano lo stabilimento più adatto alle proprie esigenze nella vasta offerta. Inondato
di sole e con vista sulla Chiesa di Grossmünster, il Frauenbadi è riservato esclusivamente alle donne. Il più antico
stabilimento della città fu costruito nel 1837 come piccolo “bagno per signore” ed è ancora oggi riservato a un
pubblico femminile. Lo stabilimento fluviale presso lo Schanzengraben, invece, è una piccola oasi balneare che di
giorno fa entrare solo uomini. Al tramonto, entrambe le location aprono i battenti a uomini e donne per concludere
in bellezza la giornata circondati da acque scintillanti. Chi preferisce il fiume può tuffarsi in un canale lungo 400 m
dallo stabilimento Oberer Letten o farsi fermare dalle griglie di blocco dello stabilimento Unterer Letten.
zuerich.com/it/visitare/piscine-allaperto

Paesaggi lacustri invitanti
Lo stabilimento lacustre Enge, sul Lago di Zurigo, propone sia un bagno misto sia un bagno per sole donne con
vista sui comuni rivieraschi e sulle Alpi all’orizzonte. Il divertimento è completato da una sauna, lezioni di yoga e
corsi di SUP. Sulla sponda antistante, allo stabilimento Utoquai, bambini e acrobati amatoriali si tuffano in acqua
dalle piattaforme da 1,8 e 3,2 metri. Al Mythenquai, lo stabilimento con spiaggia più antico di Zurigo e il primo al
quale poterono accedere contemporaneamente uomini e donne, fu costruito nel 1922 ed è dotato di una spiaggia
di sabbia lunga 250 metri e di un ampio prato per prendere il sole. Gli sportivi giocano a ping-pong o si sfidano sul
prato, mentre chi ama leggere può servirsi al distributore di libri. Anche il Tiefenbrunnen offre tanto intrattenimento:
scivolo nel lago, piscina per bambini, piattaforma per tuffi, parco giochi e trampolino ne fanno un paradiso per i più
piccoli. A metà degli anni Venti, Max Frisch costruì un’ampia piscina all’aperto nello stesso punto in cui un tempo
sorgeva una villa romana e il boia svolgeva il proprio lavoro. Sulla collina dove sorge il Freibad Letzigraben sono
stati ritrovati oggetti in ceramica dell’età del bronzo, resti di costruzioni romane e tracce della forca zurighese. Da
tempo rinnovata, questa piscina all’aperto invita a godersi giornate di puro relax, soprattutto nella vasca con le onde.
Nella regione di Zurigo non è solo il Lago di Zurigo ad attirare gli amanti dell’acqua. Anche altri laghi minori, come
il Greifensee, il Pfäffikersee o il Sihlsee colpiscono per l’acqua pulita e gli splendidi paesaggi in cui sono incastonati.
Particolarmente amato è lo stabilimento Egelsee di Bubikon. Costituito da un lago palustre circondato da un’area
naturalistica protetta, questo luogo regala puro idillio e refrigerio.

Badi-Bar
Al tramonto, alcuni stabilimenti fluviali e lacustri si trasformano in bar sull’acqua. Nei cosiddetti “Badi-Bar”, come li
chiamano gli zurighesi, è possibile godersi concerti, letture o film con un cocktail in mano e una lieve brezza lacustre
tra i capelli. Oppure si può chiacchierare con gli amici, mentre lo sguardo vaga sulle acque scintillanti e sul sole che
tramonta dietro le Alpi. Di sera, il Frauenbadi si trasforma nel Barfussbar, che ammette entrambi i sessi, ma niente
scarpe. Grazie alle luci soffuse e colorate, in questo bagno in legno nel cuore della città regna un’atmosfera
romantica in perfetta sintonia con le tiepide notti estive di Zurigo. Ogni mercoledì il programma prevede concerti,
serate di TheatreSports e letture. Lo stabilimento fluviale Schanzengraben si trasforma nel Riminibar di sera, un
popolare ritrovo estivo dove ci si rilassa su cuscini orientaleggianti gustando grigliate e sorseggiando drink freschi.
Le ringhiere gialle, le piante verdi e le variopinte luci si riflettono sull’acqua creando un’atmosfera allegra e
spensierata. Ogni lunedì sera, qui si svolge il mercato del lunedì, alle cui bancarelle si vendono articoli di seconda
mano e originali zurighesi. Allo stabilimento lacustre Enge, i visitatori immergono i piedi nelle fresche acque del
Lago di Zurigo anche di sera, mentre ascoltano concerti, poetry slam, letture o semplicemente il gorgoglio della
fontana. La sauna in riva al lago è a disposizione di sera e quando fa brutto. Dal 1994, lo stabilimento Unterer
Letten organizza ogni estate il popolare cinema open-air Filmfluss. Protagonisti non sono i grandi blockbuster, bensì
pellicole selezionate e produzioni indipendenti. Lo stabilimento fluviale Oberer Letten, invece, si trasforma nel
Panama Bar di sera e serve, tra le altre cose, deliziosi piatti di pesce e paella. La vista sulla riva opposta della
Limmat, con innumerevoli biciclette, muri di cemento graffitati e gente vestita a colori, rivela molto sui dintorni del
bagno, situato nel quartiere creativo Kreis 4, poco lontano dall’eccentrica Langstrasse.
zuerich.com/it/visitare/ristoranti-allaperto

Wellness
Quando piove o in inverno, le esperienze acquatiche si trasferiscono nelle numerose piscine coperte o nei centri
benessere di Zurigo. Al centro Hürlimann Thermalbad & Spa, tra i mattoni di un vecchio birrificio, ci si immerge nel
relax più totale lontano dalla frenesia urbana. Attivo dal 1867 proprio all’interno di questa struttura, nel 1976,
scavando in profondità, il birrificio Hürlimann scoprì una sorgente minerale, che venne successivamente utilizzata
per produrre l’acqua minerale “Aqui”. Questa sorgente confluisce oggi direttamente nelle vasche della SPA.
All’interno della struttura, le imponenti tinozze hanno lasciato il posto a grandi vasche di legno e ad un’area relax
romano-irlandese. Varie piscine, bagni turchi e lo storico fascino quasi monastico delle volte a botte garantiscono
rigenerazione pura. Particolarmente suggestiva è la piscina esterna sul tetto, che regala una vista spettacolare su
tutta Zurigo. Che si faccia una nuotata nella piscina di ispirazione nipponica Sunaburo, che ci si rilassi avvertendo
il benefico calore delle pietre attraverso un morbido accappatoio o che si attivi la circolazione nella neve, l ’area
benessere dell’hotel The Dolder Grand, che combina tratti europei e giapponesi, ha proposte per tutti i gusti. Ma
anche strutture più piccole come il Fitnesspark Hamam Münstergasse nel Niederdorf, l’hammam dello Stadtbad
Zürich o il Setareh di Rapperswil meritano una visita. Una vera meta di pellegrinaggio del relax è la cittadina di
Baden, con l’acqua termale più ricca di minerali della Svizzera. Situata a ovest di Zurigo, nei suoi 2.000 anni di
storia la città ha sempre portato alto il proprio nome (Baden vuol dire “fare il bagno”). Innumerevoli oasi di benessere
sfruttano il calore e la forza naturali dell’acqua termale che sgorga da 18 sorgenti per proporre bagni romanoirlandesi,
vasche Kneipp, idromassaggi o rilassanti hammam. Il Limmathof Baden Hotel & Private Spa offre persino
SPA-Suite private, tutte attrezzate con vasca termale, idromassaggio, doccia a pioggia, bagno turco e sauna.

Acqua potabile: a Zurigo sgorga da circa 1.200 fontane
Da oltre 1.200 fontane sparse per la città sgorga deliziosa acqua potabile. Per lo più si tratta dello stesso mix che
caratterizza l’acqua del rubinetto locale: 70 percento di acqua lacustre, 15 percento di acqua freatica e 15 percento
di acqua sorgiva. Circa 400 fontane, tra cui quella sulla Napfplatz, vengono alimentate con acqua di fonte. Queste
fontane con acqua sorgiva operano in modo particolarmente ecologico dato che utilizzano acqua che non ha
bisogno di essere depurata e pompata. Ciò significa che assicurano l’approvvigionamento idrico attraverso una rete
separata anche in situazioni d’emergenza. Circa 80 di tali fontane d’emergenza, progettate nel 1973 dall’architetto
d’interni Alf Aebersold, sono sparse per la città. In merito all’igiene, l’acqua delle fontane di Zurigo è buona almeno
quanto l’acqua minerale che si compra. Solo la percentuale di minerali è un po’ più bassa. Dal punto di vista
ecologico, l’acqua del rubinetto è molto in voga e raggiunge le abitazione con un consumo energetico fino a 1.000
volte inferiore rispetto all’acqua minerale che si prende in negozio. La storia delle fontane zurighesi ha inizio circa
500 anni fa. All’inizio, questi distributori d’acqua pubblici erano semplici punti d’incontro, oggi, con le loro strutture
artistiche, abbelliscono vicoli e piazze. Un tempo, in virtù delle numerose fontane di ispirazione greca, Zurigo era
chiamata anche “Atene della Limmat”. La ragione fu il riformatore zurighese Huldrych Zwingli, che aveva dichiarato
guerra agli sfarzosi ornamenti della tradizione cattolica e fatto distruggere o portare via innumerevoli idoli, quadri e
decorazioni di fontane.

Gite in battello: da nostalgici battelli a vapore a barche solari a noleggio
Chi ama trascorrere il proprio tempo sull’acqua può scegliere di esplorare in barca la rigogliosa natura rivierasca o
il centro storico che si affaccia sulla Limmat. Con una tiepida brezza sul viso e la vista sui dintorni verdeggianti, una
gita in battello sul Lago di Zurigo è particolarmente bella in primavera e in estate. La compagnia di navigazione
Zürichsee Schifffahrtsgesellschaft (ZSG) propone tutti i giorni vari tour tra Zurigo e Rapperswil, con una durata che
va da una a sette ore. Sia le moderne imbarcazioni a motore sia i nostalgici battelli a vapore attraccano
all’imbarcadero della Bürkliplatz. Lo storico piroscafo a vapore “Stadt Rapperswil” è tra gli ultimi realizzati dalla ditta
Escher Wyss di Zürich-West. Nel 1909, anche il fratello “Stadt Zürich” fu costruito nel cantiere navale di Zürich-
West. Speciali tour emozionali, conosciuti con il nome di “Traumschiffe” (battelli da sogno), regalano ulteriore varietà
al Lago di Zurigo. Tour a tema pranzo, brunch, BBQ e fonduta combinano un giro sul lago con piatti deliziosi, mentre
i battelli musicali dedicati a evergreen, Schlager o salsa invitano a ballare e divertirsi. Anche i pedalò e le barche
sono molto amati. Per gite private, l’indirizzo giusto è il noleggio barche “Lago” sull’Utoquai, che vanta la prima
barca a energia solare di Zurigo, barche a motore e a vela, acqua-scooter, barche elettriche e altre piccole
imbarcazioni. Anche il “Pier 7”, presso il ponte Quaibrücke, e i noleggi della Bürkliplatz e di Enge propongono
barche a remi e pedalò.

Escursioni rinfrescanti
Nel 1983, sotto le abitazioni che si trovano oggi sulla Weinplatz, furono rinvenuti i resti dei bagni romani di Turicum.
Tasselli di mosaici e avanzi di affreschi fanno pensare a una struttura di un certo livello. Oggi, i reperti storici
possono essere ammirati nella Thermengasse, vicino alla chiesa di St. Peter, grazie a una passerella a grate, tavole
informative e teche inerenti alla tradizione dei bagni romani a Zurigo. L’Alpamare di Pfäffikon SZ, invece, celebra il
divertimento acquatico con modernità. Il più grande parco acquatico coperto d’Europa conta 11 scivoli giganti, una
piscina con le onde, piscine scoperte, terme e un’area benessere. Poco distante da Pfäffikon si trova il ponte di
legno più lungo della Svizzera, che collega Rapperswil a Hurden e invita a intraprendere una romantica passeggiata
di 20 minuti sul Lago di Zurigo. Dal ponte si scorgono le due idilliache isole di Lützelau e Ufenau, entrambe
raggiungibili in barca e perfette per una giornata o una serata da trascorrere circondati dalle acque del Lago di
Zurigo. Un’esperienza naturalistica davvero intensa si può vivere anche sul Lago di Zugo, nel Neeracherried, una
delle ultime torbiere basse della Svizzera, e nel Seleger Moor di Rifferswil. L’enorme potenza dell’acqua sembra
quasi tangibile alle cascate del Reno, le più grandi d’Europa. I più coraggiosi si avvicinano in barca alle travolgenti
masse d’acqua per percepire il fragore dei 600.000 litri che precipitano ogni secondo.

Mangiare in riva all’acqua
Chi vuole vivere da vicino la freschezza naturale del Lago di Zurigo può prenotare un tavolo al Landgasthof
Halbinsel Au, che serve pesce di lago fresco tra una vegetazione rigogliosa e l’acqua gorgogliante. Anche il
ristorante Fischer’s Fritz dell’omonimo campeggio si situa sulle sponde del lago e punta sul pesce fresco delle
acque zurighesi. Grazie alla posizione rivierasca, i ristoranti Quai 61, Fischstube, Lake Side e Sonnengalerie
regalano scorci romantici sulle scintillanti acque del Lago di Zurigo, le rive verdeggianti e le montagne incappucciate
di neve all’orizzonte. Anche il complesso Marina Lachen, nel punto più meridionale del Lago di Zurigo, serve
deliziosi menu con panorama lacustre. E la Rôtisserie dell’Hotel Storchen costeggia la Limmat e regala una vista
meravigliosa sulla Chiesa di Grossmünster e gli antichi edifici in pietra del centro storico. Il fascino di una vecchia
fabbrica, mobili semplici, la posizione perfetta in riva al lago e l’atmosfera spensierata caratterizzano il ristorante
Ziegel oh lac, che fa parte del centro artistico alternativo Rote Fabrik. zuerich.com/it/visitare/ristorante-con-vistalago

Eventi
Samichlaus-Schwimmen
Limmatquai // 03.12.17 // samichlausschwimmen.ch
Blaueierschwimmen
Stabilimento Niederuster // 02.04.18 // blaueierschwimmen.ch
Traversata del Lago di Zurigo
Stabilimento Mythenquai // Luglio 2018 // seeueberquerung.ch
Cinema all’aperto Filmfluss
Stabilimento Unterer Letten // Luglio 2018 // filmfluss.ch
Cinema Allianz
Zürichhorn // Luglio-Agosto 2018 // allianzcinema.ch
Ironman Zurich Switzerland
Landiwiese al Lago di Zurigo // 29.07.2018 // ironman.ch
Limmatschwimmen
Stabilimento femminile Stadthausquai // Agosto 2018 // limmatschwimmen.ch
Zürich

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook