Lunedì, 14 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo

Musy, Carpentieri, Enia a Radicondoli

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - E' dedicato a Ripensare alla Terra, intesa come luogo di appartenenza, lavoro e bene comune da conoscere e proteggere, ma anche agli uomini che scappano da terre lontane, il XXXII Radicondoli Festival, dal 26/7 al 5/8 tra teatro, musica, film, letture e seminari nel borgo senese fra il Chianti e la Maremma. Si va dalle tragedie e speranze di Preghiera per Cernobyl, anteprima assoluta dall'opera della scrittrice bielorussa e Nobel Svetlana Aleksievic, con Mascia Musy e la regia di Massimo Luconi, al Petrolio di Uldrico Pesce e Un albero di trenta piani di Arianna Scommegna. E ancora Davide Enia con Scene da un naufragio sugli sbarchi di Lampedusa, il Maestro e Margherita di Bulgakov secondo Paolo Bignamini, e Renato Carpentieri, protagonista con il film di Gianni Amelio La tenerezza e narratore in scena de La caduta di Camus. In tutto, 15 appuntamenti di spettacolo dal vivo in 12 palchi naturali e poi Notti di Giove, stage di Yoga, workshop di fotografia, i pupi di Stac, raccontafiabe e Premio Garrone.
   

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook