Sabato, 17 Novembre 2018

Svizzera, non solo le meraviglie Thun nell'Oberland Bernese

BERNA - Un viaggio lento e romantico tra maestose montagne da cui si gode una vista impareggiabile, preziosi ed unici giardini alpini e grandi laghi dalle acque tanto cristalline da essere potabili a bordo dei mezzi di trasporto più d'antan: tra battelli a ruota 'Belle epoque' e trenini a cremagliera spinti da locomotive a vapore vecchi di oltre un secolo. E' il percorso che offre l'Oberland Bernese in Svizzera, la terra al cui centro c'è Thun, la bella città medievale sovrastata da un imponente maniero dove si trova, accanto a cannoni che mai hanno sparato un colpo, un ristorante di lusso.

Il viaggio parte da Interlaken West. Dall'Italia qui si arriva in aereo atterrando a Zurigo: direttamente da quell'aeroporto si prendono altri due treni veloci e puntuali fino alla meta. In Svizzera il sistema di trasporti è integrato: per gli stranieri è utile e conveniente procurarsi lo "Swiss pass", una tessera speciale che dà diritto a usare tutti i mezzi pubblici del Paese ma anche di usufruire di sconti per entrare nei musei.
Il primo step è una mini crociera a bordo di un elegante battello a vapore varato nel 1906, con le macchine a vista racchiuse tra un ponte panoramico ed una sala ristorante tutta boiseries in legno. Un ‘legno a ruote’, di quelli che navigavano sul Mississipi dei film in bianco e nero, che solca le acque bianche e approda in piccoli borghi che si affacciano sul lago in cui si riflettono le montagne, sormontate da ghiacci perenni, coperte di boschi e segnate da vigneti a terrazza.

Le ruote del battello girano, lente ed inesorabile, spinte dai pistoni dell’antica e pur efficiente macchina a vapore azionata dai fuochisti di bordo il cui movimento ritmico non disturba chi, seduto sulle poltroncine di vimini verde di un tempo che fu, si gode il panorama sorseggiando un bicchiere di vino. Da Thun, per accedere dall'imbarcadero posto proprio davanti alla stazione ferroviaria all'isola di Baelliz che racchiude il centro storico bisogna attraversare l'Obere Schleuse, il ponte coperto di legno sulle rapide che ormai da trecento anni regolare, con i suoi dieci "portoni", i livelli del fiume Aare. E lungo la strada principale di Thun, che parte dalla piazza del Municipio con la classica fontana al centro, lo shopping si "raddoppia" grazie all'altissimo marciapiede, per cui ci sono letteralmente due piani di negozi. Ma prima, uno scorcio insolito e inaspettato: di fronte a una banca fondata nel 1826, sul pavimento ci sono incollati altrettanti franchi svizzeri in moneta.

Prima della fortezza di Thun, risalente al 1200, si incontrano una torre del 1330 e una chiesa protestante, che vale la pena visitare. Nel maniero oggi vengono ospitati un piccolo museo e lo "Schlossberg Thun", un boutique hotel con ristorante dove si degustano solo prodotti locali delle Alpi.

Da Interlaken Ost, invece, si sale allo "Schynige Platte", punto di partenza per trekking panoramici a duemila metri di altezza. L'ascensione si fa a bordo di un trenino a cremagliera di 125 anni fa le cui carrozze con le panche di legno sono spinte da dietro da una locomotiva per sette chilometri tra i boschi: cinquanta minuti di panorami magici, con la vista dall'alto dei laghi di Thun e Brienz e lo spettacolo delle vette della "Trilogia Bernese", l'Eiger, il Mönch e lo Jungfrau che spuntano in mezzo alle nuvole. In cima, accanto alla stazione,il Giardino botanico alpino, che racchiude ben 650 specie di piante.

E infine, c'è l'unica cremagliera a vapore sopravvissuta della Svizzera: quella del trenino del 1892 che porta in cima al cima del "Brienzer Rothorn". In un'ora si supera un dislivello di quasi 1700 metri, e si ammirano panorami incantati, in cui si incastona il celestino delle acque del lago di Brienz. Giunti a oltre duemila metri, si può fare trekking o rilassarsi in un rifugio con vista sulle Alpi Bernesi e sugli specchi d'acqua a valle.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X