Martedì, 22 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo

'Dialoghi d'arte' indaga il suo pubblico

Viaggi
© ANSA

GENOVA - "Uno dei punti cardine del nostro programma è quello di indagare il pubblico di arte contemporanea. Un tema di grande attualità per Genova che si sta interrogando su funzioni e ruoli del contemporaneo. Abbiamo segnali importanti: la mostra di Claire Fontaine sta avendo un grandissimo successo. E questa iniziativa vuole dare chiavi di lettura del pubblico di contemporaneo". Così Serena Bertolucci, direttore di Palazzo Ducale Fondazione per la cultura presenta Dialoghi d'Arte, rassegna diffusa sul contemporaneo che arriva quest'anno alla sua quarta edizione e dedica il 2019 al tema 'Evoluzione e ruolo del pubblico delle arti contemporanee'. La rassegna, che si terrà dal 2 al 5 maggio tra Genova e Noli (Savona) sarà occasione di confronto tra professionisti e pubblico e transdisciplinare. Sociologi, filosofi, antropologi, psicologi, critici, economisti si confrontano sul rapporto tra le arti e il pubblico per mettere a fuoco il presente e il futuro di una relazione imprescindibile nel panorama culturale.
    Tra gli ospiti della rassegna Arnd Schneider, Iolanda Pensa, Carlo Bordoni, Nicola Emery. La rassegna sarà preceduta domani da un'anteprima a Palazzo Ducale intitolato 'Spettatori? in attesa di un ponte', dialogo con lo psicologo Alfredo Verde, l'antropologo Alessandro Simonicca e il direttore del comitato scientifico di 'Dialoghi d'arte' Andrea Canziani.
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook