Domenica, 26 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Viaggi

Home Viaggi Turismo enogastronomico, un tavolo tecnico alla Camera di commercio di Messina

Turismo enogastronomico, un tavolo tecnico alla Camera di commercio di Messina

di

Un tavolo tematico permanente, presieduto dalla Camera di commercio. Che punti a disegnare - finalmente - una strategia unica, una visione comune di un'eccellenza che troppo raramente il territorio riesce a trasformare in una vera risorsa: l'enogastronomia.

Parte da questo primo passo il percorso avviato dalla convention sul turismo “esperenziale”, voluta fortemente dai tre Ambasciatori del gusto messinesi - lo chef Pasquale Caliri, lo chef pasticcere Lillo Freni e il bakery chef Francesco Arena - dopo l'input giunto dall'ultima assemblea nazionale degli Ambasciatori, e moderata dal giornalista Emilio Pintaldi.

Dal Marina del Nettuno, ieri mattina, giungono spunti concreti, un tentativo necessario di andare oltre le parole. «Belle parole - l'esordio di Caliri -, come Made in Italy o territorio, che però quasi mai riusciamo a tradurre in atti concreti. Il turismo esperenziale è un turismo qualificante, che regala un'esperienza sul territorio. E il luogo in cui l'esperienza coinvolge tutti e cinque i sensi è il ristorante. I dati dicono che il turismo enogastronomico generano un indotto superiore del 25% rispetto a quello balneare. Il nostro è un territorio che pullula o dovrebbe pullulare di fermenti, in questo senso».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook