Domenica, 17 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

Turismo enogastronomico, un tavolo tecnico alla Camera di commercio di Messina

di

Un tavolo tematico permanente, presieduto dalla Camera di commercio. Che punti a disegnare - finalmente - una strategia unica, una visione comune di un'eccellenza che troppo raramente il territorio riesce a trasformare in una vera risorsa: l'enogastronomia.

Parte da questo primo passo il percorso avviato dalla convention sul turismo “esperenziale”, voluta fortemente dai tre Ambasciatori del gusto messinesi - lo chef Pasquale Caliri, lo chef pasticcere Lillo Freni e il bakery chef Francesco Arena - dopo l'input giunto dall'ultima assemblea nazionale degli Ambasciatori, e moderata dal giornalista Emilio Pintaldi.

Dal Marina del Nettuno, ieri mattina, giungono spunti concreti, un tentativo necessario di andare oltre le parole. «Belle parole - l'esordio di Caliri -, come Made in Italy o territorio, che però quasi mai riusciamo a tradurre in atti concreti. Il turismo esperenziale è un turismo qualificante, che regala un'esperienza sul territorio. E il luogo in cui l'esperienza coinvolge tutti e cinque i sensi è il ristorante. I dati dicono che il turismo enogastronomico generano un indotto superiore del 25% rispetto a quello balneare. Il nostro è un territorio che pullula o dovrebbe pullulare di fermenti, in questo senso».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook