Martedì, 26 Maggio 2020
stampa
Dimensione testo

Viaggi

Home Viaggi La ripartenza del turismo passa dai parchi

La ripartenza del turismo passa dai parchi

Il turismo in Italia può ripartire dai parchi, dalle aree protette e dalle riserve naturali. È la proposta lanciata nel corso dell'iniziativa "La bellezza della natura: opportunità per la ripresa del turismo in Italia", promossa dal presidente della Fondazione Univerde, Alfonso Pecoraro Scanio.
"La riapertura, da maggio, dovrebbe riguardare le attività che possono garantire spazi all'aperto, distanziamento sociale e norme di sicurezza personale - ha spiegato Pecoraro Scanio -. Tutte cautele che possono essere rispettate dai parchi naturali e dalle aree protette con strutture che potrebbero offrire ai cittadini la possibilità di accesso". Per il presidente della Fondazione UniVerde "i parchi possono avere anche una funzione di supporto psicologico, dopo che le persone hanno passato due mesi chiuse in casa".
Nel corso della diretta streaming sono state rese note le 30 foto finaliste del concorso fotografico "Obiettivo Terra 2020". Scatti amatoriali nei parchi e nelle aree protette. Quello più votato vincerà la menzione speciale Fanpage.it e la cerimonia di premiazione dei vincitori si terrà a Roma il 15 luglio. Si può votare, sul sito di Fanpage, fino alla mezzanotte del 24 maggio.
"Tutti i virologi hanno detto che il rischio di contagio del virus cala in maniera esponenziale tra un luogo chiuso e uno all'aperto", ha ricordato il presidente di Federparchi, Giampiero Sammuri, "stare all'aria aperta fa bene e aumenta le difese immunitarie, certamente ci si può stare rispettando tutte le regole di distanziamento, che noi nei parchi possiamo agevolmente far mantenere. Noi abbiamo già queste regole per la salvaguardia della biodiversità, abbiamo un numero chiuso, così - ha concluso -, la visita nel parco si può fare tranquillamente in sicurezza.
I parchi saranno prontissimi ad accogliere i visitatori in totale sicurezza".
Attenzione particolare, per il presidente di Cobat, Giancarlo Morandi, va data all'economia circolare: "Abbiamo tanto da fare per aiutare il Paese sia dal punto di vista economico sia ambientale, l'economia circolare è una fonte di ricchezza importante".
La presidente di Marevivo, Rosalba Giugni, si augura che "questa tragedia ci insegni qualcosa, abbiamo bisogno di un turismo sostenibile, non del turismo di massa, mordi e fuggi, dobbiamo ricreare un turismo più attento, con distanziamento sociale dove non si va un giorno e si fugge. Noi italiani dobbiamo avere una visione per il futuro, possiamo cambiare energia, siamo pieni di sole, il nostro pianeta ci manda mille segnali di richieste di attenzioni".
Per Italo Cerise, presidente del Parco Nazionale del Gran Paradiso, "il ruolo delle aree protette, in questa fase 2, è molto importante da giocare vista l'esigenza generalizzata di uscire dal chiuso delle nostre case ed avere contatto con la natura, le aree protette sono delle aree di eccellenza".
(ITALPRESS).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook