Martedì, 26 Maggio 2020
stampa
Dimensione testo

Viaggi

Home Viaggi Le Maldive si preparano alla “ripartenza”

Le Maldive si preparano alla “ripartenza”

Le Maldive si preparano a ripartire. Hanno evitato un'epidemia di coronavirus, ma il prezzo economico è stato molto alto. Per evitare il crollo dell'industria del turismo, il Paese deve ora pianificare la riapertura. Sonu Shivdasani, fondatore e amministratore delegato di Soneva, che possiede i luxury resort Soneva Fushi (per il quale è stata realizzata una bellissima story da Lauretta Coz per il social americano STELLER) e Soneva Jani alle Maldive, e Soneva Kiri in Thailandia, traccia un possibile quadro della ripartenza.
L'arcipelago, ricorda, "si trova a cavallo dell'equatore, dove le temperature raramente scendono sotto i 20 gradi. Sappiamo che il virus non ama il caldo, ed è degno di nota che gli unici contagi importanti si sono verificati nei paesi freddi, durante l'inverno. La geografia unica delle Maldive si presta anche al contenimento: il governo può, e lo ha fatto, chiudere rapidamente le isole e i resort quando emerge un caso sospetto. Se il test è negativo, l'isola viene immediatamente riaperta. Se qualcuno risulta positivo, l'intera isola viene messa in quarantena per evitare che si diffonda in tutto il paese".
L'amministrazione di Solih "si è messa al lavoro per proteggere il Paese: sospendendo le rotte di volo, conducendo test diffusi (il più alto test pro capite dell'Asia meridionale) e chiudendo completamente il confine. In un Paese totalmente dipendente dal turismo straniero, la volontà del Governo di agire con decisione, nonostante l'enorme costo economico, ha quasi certamente salvato delle vite". Ma la domanda rimane: se le Maldive saranno presto libere da virus, e se si pensa di riaprire le frontiere, come si può fare al meglio? Un buon punto di partenza potrebbe essere "quello di iniziare il processo di apertura permettendo l'atterraggio dei jet privati: ci sono pochi passeggeri a bordo, che possono essere immediatamente isolati nella sala VIP dell'aeroporto e testati per il virus all'arrivo. Se il test è negativo, possono proseguire il viaggio. Se il test è positivo, possono recarsi in uno dei resort che sono stati convertiti in uno dei centri di quarantena e isolamento. La chiave di tutto questo saranno i kit di test rapidi, che possono fornire un risultato in pochi minuti piuttosto che in giorni".
I clienti di fascia alta "spendono grandi somme di denaro rispetto agli altri turisti, quindi anche aprendo a pochi jet privati si generano notevoli entrate. Soneva ha ricevuto circa 20 richieste di informazioni da persone che vorrebbero recarsi alle Maldive con un jet privato. Intendono soggiornare nei resort per più di un mese. Questi ospiti spenderanno probabilmente circa 5 milioni di dollari in totale, generando circa 600.000 dollari in GST per il governo".
Guardando più avanti, le Maldive "dovranno iniziare a riaprire le rotte aeree commerciali. Ma testare una manciata di passeggeri di jet privati all'aeroporto è una cosa, testare centinaia di persone che scendono da un A350 è un'altra. Le Maldive probabilmente cominceranno ad aprire voli diretti verso altri paesi privi di coronavirus. La Cina sembra una buona scommessa. Ha anche il vantaggio di essere il più grande mercato turistico delle Maldive, con una serie di rotte di voli diretti già esistenti, operati da vettori maldiviani o cinesi, tra i due paesi. Al momento, però, tutti i turisti cinesi di ritorno dall'estero devono trascorrere 14 giorni in quarantena in Cina - una prospettiva non particolarmente attraente per gli aspiranti turisti. Il governo maldiviano dovrà lavorare con la controparte cinese su un accordo bilaterale che permetta ai turisti cinesi che tornano a casa dalle Maldive di evitare la quarantena'.
Accordi simili dovranno essere presi con altri Paesi. Potrebbe essere utile classificarli: "I paesi del gruppo 'A' potrebbero essere quelli, come le Maldive, che hanno sradicato completamente il virus. Non c'è motivo di non operare voli commerciali diretti tra queste destinazioni. I paesi del gruppo 'B' potrebbero essere quelli con pochissimi casi ancora attivi - le Maldive potrebbero consentire voli da e per tali paesi, ma con ulteriori precauzioni. Ci sono poi i paesi del gruppo 'C' con un alto numero di casi - dove le Maldive dovrebbero mantenere in vigore le restrizioni di viaggio".
(ITALPRESS).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook