Lunedì, 30 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Viaggi

Home Viaggi Caro voli in Sicilia, predisposto un ricorso all’Antitrust

Caro voli in Sicilia, predisposto un ricorso all’Antitrust

PALERMO (ITALPRESS) – Se gli anni passati era stato il Covid a bloccare la mobilità tra Nord e Sud Italia durante il periodo delle vacanze natalizie, questo dicembre è necessario fare i conti con le “tariffe pazze” delle compagnie aeree.Tariffe elevatissime da Verona, Milano, Torino ed addirittura da Roma.Caso emblematico quello della capitale: la tratta

PALERMO (ITALPRESS) - Se gli anni passati era stato il Covid a bloccare la mobilità tra Nord e Sud Italia durante il periodo delle vacanze natalizie, questo dicembre è necessario fare i conti con le "tariffe pazze" delle compagnie aeree.
Tariffe elevatissime da Verona, Milano, Torino ed addirittura da Roma.
Caso emblematico quello della capitale: la tratta Roma /Palermo che, ormai, viene operata unicamente da due compagnie, Ita Airways e Ryanair, che ha costi paragonabili ad un volo Roma/New York o addirittura cinque volte più alti di un Palermo/Londra. Sul punto è intervenuto anche il Presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani, esprimendo la volontà di adottare una linea dura che possa anche accertare se vi sia un accordo di "cartello" tra le due compagnie.
Palmigiano e Associati sta predisponendo un ricorso all'Antitrust per l'accertamento del cartello ma soprattutto per verificare se non ci siano meccanismi distorsivi della concorrenza nei meccanismi di attribuzione delle tratte. Tutti i cittadini che volessero aderire, potranno scrivere una email a [email protected]
"Di certo è necessario ricorrere all'Antitrust per verificare l'eventuale esistenza di un cartello, come ha correttamente evidenziato il Presidente - ha dichiarato Alessandro Palmigiano, Managing Partner dello Studio legale Palmigiano e Associati, impegnato da anni nel settore della tutela del mercato - ma ci sono due ulteriori aspetti che necessitano di chiarimenti. Da una parte è necessario verificare se il meccanismo di attribuzione delle tratte, che si limita ad un duopolio nel caso di Roma (di un monopolio invece per la tratta Palermo/Linate) non sia lesivo della concorrenza, visto che la domanda è talmente alta da far alzare i prezzi, i quali non vengono riequilibrati da una maggiore offerta; dall'altra, ma ovviamente è una questione più politica, si dovrebbero richiedere per la Sicilia le stesse 'tariffe agevolatè che vengono applicate alla Sardegna per la continuità territoriale".

- foto: agenziafotogramma-it

(ITALPRESS).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook