Venerdì, 07 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca 'Ndrangheta, operazione "Perseverance" contro le cosche in Emilia

'Ndrangheta, operazione "Perseverance" contro le cosche in Emilia

Operazione congiunta contro la 'ndrangheta di polizia e i carabinieri che hanno effettuato 35 perquisizioni nelle province di Reggio Emilia, Modena, Ancona, Parma, Crotone, Milano, Prato, Pistoia e Latina, eseguendo 10 misure cautelari personali (sette custodie in carcere, due arresti domiciliari ed una misura interdittiva).

I provvedimenti sono stati emessi dal gip del Tribunale di Bologna Alberto Ziroldi, su richiesta della Procura-Direzione Distrettuale Antimafia, sulla base di due filoni investigativi coordinati dai Procuratore Giuseppe Amato e Beatrice Ronchi e che complessivamente vedono indagati 29 cittadini italiani.

L’indagine è incentrata sull’organizzazione del gruppo emiliano, storicamente legato alla cosca Grande Aracri di Cutro, ma che agiva in autonomia, con “enorme capacità di infiltrazione nei settori centrali della economia e della vita civile”, come sottolineano gli inquirenti.

Al centro dell’inchiesta ‘Perseverance’ ci sono esponenti di famiglie già colpite dall’operazione 'Aemilia', storico processo contro la ‘ndrangheta in Emilia-Romagna, che erano ancora in libertà. Si tratta nello specifico di  Giuseppe Sarcone Grande, fratello di Nicolino, Gianluigi e Carmine, già arrestati e condannati come esponenti della ‘ndrangheta emiliana e Salvatore Muto, fratello di Luigi e di Antonio.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook