Venerdì, 21 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Messina: tangenti per il ripristino delle strade dopo gli incidenti nella fascia ionica. VIDEO

Messina: tangenti per il ripristino delle strade dopo gli incidenti nella fascia ionica. VIDEO

Undici indagati, di cui sette agli arresti domiciliari, nell’operazione dei carabinieri del Comando provinciale di Messina che ha fatto luce su un vasto sistema di corruzione nel settore degli appalti per il ripristino delle strade a seguito di incidenti con danni alla carreggiata o sversamenti di liquidi o altri detriti. Coinvolti pubblici funzionari, compreso il capo della Polizia Metropolitana di Messina, vigili urbani e imprenditori. Gli arrestati sono accusati di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di reati contro la pubblica amministrazione, contro la fede pubblica e contro il patrimonio. Disposto anche il sequestro di una società a responsabilità limitata che si occupava del ripristino delle strade. L’indagine, condotta dai carabinieri della Compagnia di Taormina, coordinati dalla procura di Messina, ha colpito l’organizzazione attiva nella fascia jonica della Provincia di Messina che, attraverso un «collaudato sistema di corruzione», viene spiegato, tra personale della polizia municipale del Comune di Letojanni e della Polizia Metropolitana di Messina, e imprenditori, gestiva in modo illecito il servizio della messa in sicurezza della viabilità a seguito di incidenti, consentendo grandi vantaggi economici al titolare della società posta sotto sequestro che aveva acquisito il monopolio nel settore, e a due dei pubblici ufficiali indagati. Questi ultimi, infatti, attraverso una società creata ad hoc e a loro riconducibile, avrebbero ottenuto ingenti guadagni come corrispettivo «dell’asservimento della loro funzione pubblica agli interessi privati». Sono indagati in stato di libertà anche un dipendente del Comune di Santa Teresa di Riva e il figlio, in quanto il primo avrebbe rivelato al titolare della società indagata delle notizie riservate sulla gara in corso per la stipula della convenzione di ripristino e bonifica stradale presso il Comune di S. Teresa, in cambio dell’assunzione in nero del figlio per circa un anno.
L’attività investigativa è stata avviata a seguito delle anomalie riscontrate dalla stazione carabinieri di Mongiuffi Melia nelle procedure di ripristino delle condizioni della sede stradale in occasione di un incidente autonomo, con conseguente perdita di gasolio dal veicolo coinvolto, verificatosi nel centro abitato del comune di Mongiuffi - Melia nel gennaio 2019.

Le indagini

A destare il sospetto dei militari dell’Arma è stato l’intervento, irrituale in quella circostanza, di una pattuglia della polizia municipale del limitrofo comune di Letojanni, non competente per territorio. Partendo da tale anomalia, attraverso acquisizioni documentali e grazie a una azione di coordinamento delle Stazioni carabinieri presenti sul territorio, si sono resi conto che nella maggior parte degli incidenti con sversamento di liquidi o detriti sul manto stradale, che si verificavano sulle strade del comune di Letojanni (o di alcuni comuni limitrofi), nonchè sulle arterie provinciali, la ditta individuata per la rimessa in efficienza della carreggiata era nella maggior parte dei casi la Sos Strade srl. Inoltre, dall’acquisizione delle schede d’intervento della società, dalla cui analisi si è potuto constatare che nella maggior parte degli incidenti gestiti dalla ditta, a intervenire sui luoghi, come esponenti delle forze dell’ordine, erano sempre due appartenenti alla polizia municipale di Letojanni.
Sono state peraltro acquisite in modo riservato, nella fase istruttoria, le dichiarazioni rese da un pubblico dipendente circa il funzionamento del sistema per la rimessa in efficienza delle strade comunali. E’ stata così attuata la normativa nazionale in materia di whistleblowing la quale prevede non solo che il pubblico dipendente che denuncia all’autorità giudiziaria condotte illecite, non possa essere sanzionato, demansionato, licenziato, trasferito, ma stabilisce anche che la sua identità non essere rilevata fino alla conclusione delle indagini. Gli accertamenti investigativi hanno permesso di svelare che la Sos Strade, per ottenere il recupero dei costi d’intervento presso le rispettive assicurazioni dei conducenti dei mezzi incidentati, aveva delegato ad agire in suo nome un’altra società, con sede in Santa Teresa di Riva, la Elta Service, le cui quote risultavano ripartite rispettivamente tra la figlia e la moglie dei due esponenti della polizia municipale di Letojanni.
I pubblici ufficiali, compiendo anche atti contrari al loro ufficio, si adoperavano per affidare in modo diretto alla Sos Strade i lavori di pulizia della carreggiata, consentendogli di fatto di avere il sostanziale monopolio nel servizio di rispristino stradale e di bonifica sul territorio di Letojanni.

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook