Venerdì, 19 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Suicidio assistito, Cappato dai carabinieri per autodenunciarsi: “Pronto ad aiutare altri malati”

Suicidio assistito, Cappato dai carabinieri per autodenunciarsi: “Pronto ad aiutare altri malati”

“Mi recherò dai carabinieri per raccontare che tipo di aiuto ho fornito a Elena, aiuto senza il quale non le sarebbe stato possibile giungere in Svizzera, l’aiuto nell’accompagno, nell’interpretazione delle ultime ore”. Lo dice il tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, Marco Cappato

“Mi recherò dai carabinieri per raccontare che tipo di aiuto ho fornito a Elena, aiuto senza il quale non le sarebbe stato possibile giungere in Svizzera, l’aiuto nell’accompagno, nell’interpretazione delle ultime ore”. Lo dice il tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, Marco Cappato, poco prima di auto denunciarsi ai carabinieri di Milano per l’aiuto fornito ad una donna malata terminale di 69 anni, morta ieri in una clinica svizzera col suicidio assistito.

“Spiegherò ai carabinieri - continua Cappato - che per le prossime persone che ce lo chiederanno, se sarà necessario, se saremo nelle condizioni di farlo, aiuteremo anche loro". "Sarà la giustizia italiana a stabilire se questi sono reati, se c’è una discriminazione insopportabile, come noi riteniamo con l’associazione Luca Coscioni, tra malati che comunque soffrono una sofferenza insopportabile all’interno di una patologia irreversibile ma che non sono attaccati a una macchina, e i malati che lo sono", prosegue l'ex Radicale. "Si tratta di lasciare le persone libere fino alla fine, questo noi lo consideriamo un dovere, sarà la giustizia a dire se finalmente potrà diventare un diritto”, ha concluso Cappato.

Cappato: da partiti e Parlamento nessuna risposta

«Non c'è stata alcuna risposta da parte del Parlamento, della politica, dei capi dei grandi partiti. In queste ultime due legislature non è mai stata discussa nemmeno un minuto la nostra legge di iniziativa popolare presentata 9 anni fa. Ora siamo arrivati a questa situazione che di fronte alla richiesta di Elena, potevamo girarci dall’altra parte o darle l’aiuto che cercava, alla luce del sole e assumendoci totalmente la responsabilità di questo». Lo ha detto Marco Cappato arrivando a Milano alla stazione dei carabinieri Duomo per autodenunciarsi per avere accompagnato Elena, malata terminale, in Svizzera per il suicidio assistito.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook