Sabato, 04 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Musica

Home Video Musica Maneskin infiammano Coachella, l'urlo di Damiano per l'Ucraina. Un'esplosione di... "gasoline"

Maneskin infiammano Coachella, l'urlo di Damiano per l'Ucraina. Un'esplosione di... "gasoline"

Da Zitti e buoni a Gasoline, 45 minuti di show per band romana

Il rock dei Maneskin infiamma il Coachella: la band romana ha invitato i fan a "fare rumore" sul palco di uno dei festival più attesi del panorama musicale mondiale, tornato live, dopo due anni di stop causa pandemia, a Indio, nella Contea di Riverside, in California. Oltre 45 minuti di show, iniziato intorno alle 7.30 ora italiana, per Damiano, Victoria, Thomas e Ethan che si è concluso con l’urlo del cantante «Free Ukrain, fuck Putin». La performance è iniziata con Zitti e buoni, il brano con cui i Maneskin hanno trionfato l’anno scorso al Festival di Sanremo e all’Eurovision Song Contest. E poi In nome del padre, Mamma mia, Beggin', I wanna be your dog, I wanna be your slave di cui hanno inciso una nuova versione con Iggy Pop.

In chiusura, We're gonna dance on gasoline, il brano con cui i Maneskin hanno aderito alla campagna del Global Citizen #StandUpForUkraine in segno di supporto all’Ucraina. «Vi siete divertiti? Anche noi ci divertiamo, è un privilegio vivere mentre le bombe cadono sulle città», ha urlato Damiano rivolto al pubblico. E ha citato Charlie Chaplin e il discorso del film Il grande dittatore. Come sempre il frontman ha lasciato il segno anche per il look: stivali e shorts di pelle nera, calze a rete, borchie e una sorta di spolverino di tulle rosa che poi si è tolto durante l'esibizione. La band si è esibita al Coachella nella line up di The Weeknd con The Swedish House Mafia, a coronare un ulteriore sogno e a completare il mosaico di successi collezionato negli Stati Uniti e nel mondo.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook