Giovedì, 22 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Noi Magazine

Home Video Noi Magazine I ragazzi e le notizie "d.o.c." oggi su Noi Magazine in classe con Focus e Focus Junior

I ragazzi e le notizie "d.o.c." oggi su Noi Magazine in classe con Focus e Focus Junior

La comunicazione responsabile e l'educazione digitale sull'inserto Noi Magazine, dedicato ai giovani e all'istruzione, domani all'interno delle edizioni di Gazzetta del Sud di Messina, Reggio, Cosenza e Catanzaro-Crotone-Lamezia Vibo. Grazie alla sinergia con il gruppo Mondadori, il quotidiano domani arriverà assieme a Focus e Focus Junior negli istituti siciliani e calabresi aderenti al progetto "Gazzetta del Sud in classe con Noi Magazine", per incentivare nei ragazzi l'interesse all'attualità, alla lettura critica e alla scrittura.

Tematiche al centro del webinar "I ragazzi e l'informazione di qualità: quando nasce una notizia, come diventa d.o.c.", promosso nell'ambito del progetto da Società Editrice Sud, in programma domani alle 11 in diretta sul canale youtube di Gazzetta del Sud, con l'intervento del  presidente e direttore editoriale di Ses Lino Morgante e dei direttori di Focus Raffaele Leone e Focus Junior Sarah Pozzoli, con cui dialogheranno gli studenti del Collegio S. Ignazio di Messina e dei Licei Archimede ed Empedocle di Messina, dei comprensivi Cassiodoro Don Bosco di Reggio e Cornelio di Rovito (Cosenza) e dell'istituto superiore per i servizi alberghieri di Soverato (Catanzaro).  Parteciperanno anche i rappresentanti delle consulte studentesche calabresi con la coordinatrice regionale prof.ssa Franca Falduto.

Sull'edizione di Messina dell'inserto Noi Magazine in prima pagina gli studenti del Collegio S. Ignazio, che hanno ricordato le vittime del Covid ripercorrendo le vicende dell'ultimo drammatico anno, e che hanno parallelamente condotto un approfondimento sulle tradizioni della Settimana Santa nel Mediterraneo esprimendo le loro riflessioni e un invito alla speranza. Gli alunni dell'Ic Catalfamo raccontano l'intensa partecipazione al webinar promosso da Noi Magazine sull'inclusione e sull'autismo, su cui si soffermano anche gli studenti dei Comprensivi S. Margherita e La Pira Gentiluomo.

I liceali del Galilei di Spadafora hanno svolto assieme al costituzionalista Unime prof. Antonio Saitta un confronto tra principi giuridicamente tutelati evidenziando come in questo momento il diritto alla salute prevalga su altre libertà limitando, ad esempio, gli spostamenti e la socialità. Dell'importanza dell'acqua scrivono gli  alunni del Comprensivo di Torregrotta. Un centinaio gli eventi organizzati e raccontati dai liceali dell'Archimede durante la Settimana dello Studente, mentre i ragazzi dell'Ic Gravitelli Paino si soffermano sulla storia del Pi Greco e sulla trama del libro Nebbia, con la splendida amicizia tra un ragazzo e un lupo. Un paginone è dedicato a Dante, su cui si sono concentrati i lavori dei liceali del Maurolico di Messina, del Trimarchi di S. Teresa, dell'Ite di Tortorici e dei Comprensivi Mazzini, Mazzini Gallo, Manzoni e Enzo Drago.

Alla legalità e al ricordo delle vittime di mafia è stato rivolto l'impegno degli istituti comprensivi Albino Luciani, Oascoli Crispi e Tremestieri. Sulle grandi donne del passato (Emmeline Pankhurst) e del presente (la mamma!) i pensieri degli alunni degli istituti Balotta di Barcellona e Giovanni Paolo II di Capo d'Orlando. Il sociologo Unime prof. Marco Centorrino analizza gli effetti distorsivi della comunicazione sui social mentre nella pagina Atenei dello Stretto gli studenti di UniVersome evidenziano i lati positivi delle attività "smart" imposte dalla pandemia e agevolate dalla tecnologia. Presenti anche gli studenti Unime del team di Zancle E Drive, che si preparano ad affrontare la competizione universitaria di automobilismo "Formula Sae" con un prototipo elettrico. Due gli appuntamenti annunciati e targati Unime: il webinar di oggi sull'altra faccia della pandemia, promosso dalla Fuci, e,  quello di domani  su scelte procreative ed effettività dei diritti in collaborazione con la Società italiana di riproduzione umana.

Ad aprire l'edizione di Catanzaro-Crotone-Lamezia-Vibo è il Liceo "Costanzo" di Decollatura con una "speciale" intervista ai nonni alla scoperta di un passato che aiuta a mettere a confronto due generazioni; quindi l'Istituto Vespucci racconta l'esperienza vissuta con il webinar di Noi Magazine sull'inclusione e la storia di Federica che ha portato la "magia" in classe. Prosegue, poi, il viaggio su Dante con gli approfondimenti dell'Itt Malafarina di Soverato, del Liceo Borrelli di Santa Severina e del Liceo Campanella di Lamezia Terme. Nuovo appuntamento con la Consulta studentesca sulle iniziative per "seminare" la pace che vedono i giovani protagonisti. Spazio, poi, all'inclusione e all'autismo con l’Istituto “Pertini-Santoni” di Crotone divenuto polo di riferimento territoriale che illustra i progetti in itinere e i risultati raggiunti; mentre gli studenti del Liceo classico "Morelli" di Vibo hanno deciso di approfondire e analizzare l’incontro organizzato dalla Gazzetta del Sud con il prof. Mario Morcellini che ha consentito di comprendere gli effetti sociologici della pandemia sulla comunicazione specie tra i giovani. A preoccupare, invece, gli alunni della scuola secondaria di I grado “Dante Alighieri” di Nicotera è la campagna vaccinale nel «caos» e da qui il loro appello alle Istituzioni a organizzarsi meglio.

Sotto la lente del Liceo scientifico "Berto" di Vibo, poi, il rapporto della Fondazione Migrantes Italiani nel mondo 2020, che ha evidenziato una fuga di 5.621 persone, più di cinquemila cervelli, giovani per la maggior parte, che partono dalla Calabria per raggiungere varie parti del mondo. "Next generation Ue", il provvedimento straordinario dell'Europa è invece all'attenzione degli studenti dell'Ite "V. De Fazio" di Lamezia Terme. L'istituto alberghiero di Soverato nel suo spazio settimanale racconta invece l'impegno della scuola nell'accoglienza, mentre i giovani musicisti dell'Ic Cutuli di Crotone narrano soddisfatti del premio al concorso della Sound Academy.

Sull'edizione di Cosenza, i liceali di San Demetrio Corone raccontano la loro esperienza quali protagonisti del webinar di Noi Magazine sul tema “La scuola che accoglie - uguali, diversi: non uno di meno”. Sui percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento si soffermano gli studenti del liceo “Scorza” di Cosenza. Gli alunni del Comprensivo di Rende ci guidano in un viaggio di andata e soprattutto ritorno nel tunnel del bullismo e cyber bullismo. All’Istituto di istruzione superiore di Cariati la quinta edizione del Pi Day alla scoperta del fascino della Matematica. Lettura ad alta voce per la magia del Kamishibai nella scuola primaria di Arcavacata. Un racconto sulla pandemia e la testimonianza dei piccoli arriva dall’Istituto comprensivo di Rovito. Gli studenti del “Siciliano” di Bisignano riflettono sulla malandata sanità calabrese, mentre gli alunni del Comprensivo di San Pietro in Guarano ricordano Polo Borsellino, Giovanni Falcone e Peppino Impastato. Letterine, disegnini, pensierini e molto altro, inviati con il cuore e raccontati dai piccoli del Comprensivo Roggiano-Altomonte agli anziani di “Villa San Francesco”.

L'edizione di Reggio si apre con una riflessione degli studenti dell'istituto comprensivo Cassiodoro-Don Bosco sui diversi canali di informazione, riflessione maturate nell'ambito del corso di Educazione ai media che la scuola ha istituito. Gli studenti dell'istituto comprensivo di Palmi, San Francesco si sono impegnati assieme a Libera nel ricordo delle vittime innocenti di mafia; mentre i più piccoli hanno celebrato con versi e disegni i loro papà. La poesia di Dante ha ispirato gli elaborati dei ragazzi dell'istituto comprensivo Giovanni XXIII di Villa San Giovanni e dell'istituto comprensivo Piria di Scilla. I piccoli della scuola dell'infanzia dell'Ic Radice Alighieri di Reggio hanno disegnato le uova di pasqua secondo lo stile dei grandi autori dell'arte. Mentre gli studenti della scuola Maria Ausiliatrice hanno incontrato in un webinar lo scrittore Alessandro D'Avenia. Infine alla Carducci un viaggio a ritroso nella storia dell'antico Egitto. Al laboratorio del Dipartimento Pau dell'Università Mediterranea ha invece ufficialmente avviato le proprie attività l'Osservatorio regionale sui beni Unesco. Una realtà nata con l'obiettivo di valorizzare le tante potenzialità del patrimonio artistico e culturale calabrese, raccontata sulla pagina Atenei dello Stretto.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook