Lunedì, 05 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Noi Magazine

Home Video Noi Magazine Su Noi Magazine le giovani generazioni contro la violenza di genere

Su Noi Magazine le giovani generazioni contro la violenza di genere

 

Torna Noi Magazine, l'inserto "giovane" del giovedì pubblicato dal 1996 nelle quattro edizioni di Gazzetta del Sud: Messina-Sicilia; Reggio; Cosenza e Catanzaro-Crotone-Lamezia-Vibo e nato da un’idea del presidente e direttore editoriale di Ses Lino Morgante per offrire alle giovani generazioni uno strumento efficace di comunicazione e conoscenza.

L'inserto è il cuore del  progetto "Gazzetta del Sud in classe con Noi Magazine", giunto alla quarta stagione e patrocinato dall'Ordine dei Giornalisti di Sicilia e dall'ufficio scolastico, aperto a tutti gli istituti scolastici e agli Atenei di Sicilia e Calabria per incentivare tra i giovani l'interesse all'informazione di qualità, alla lettura critica, alla scrittura responsabile nel segno della legalità, dell'inclusione, dell'equilibrio di genere, dell'educazione digitale, delle tematiche ambientali, dell'internazionalizzazione.

Il progetto punta anche a valorizzare l'approccio multimediale all'attualità e viene veicolato su tutti i canali del network Ses: il giornale cartaceo, il sito web gazzettadelsud.it, la tv Rtp, la radio Antenna dello Stretto e i canali social. Al progetto è collegata la GDS Academy, ciclo di eventi web in presenza e in collegamento, trasmessi in diretta sul canale youtube della Gazzetta del Sud rendendo i giovani protagonisti del dialogo con esperti e rappresentanti istituzionali. Qui le info sulle iscrizioni

https://gazzettadelsud.it/foto/noi-magazine/2022/10/09/gazzetta-del-sud-in-classe-con-noi-magazine-aperte-le-iscrizioni-alla-quarta-edizione-92b42fa2-da31-4405-80f6-8346ded195f5/

Il tema forte: la lotta alla violenza di genere

In occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne è ampio l'approfondimento condotto sia nelle scuole che nelle università per sensibilizzare i più giovani su un'emergenza da combattere proprio iniziando dalle aule scolatiche. Sulle quattro edizioni torna l'appuntamento settimanale con la rubrica Noi e la Privacy, promossa nellambito dell'adesione di Ses al Manifesto di Pietrarsa l'iniziativa del Garante  per la Protezione dei dati Personali volta all'educazione digitale dei giovani: in questa puntata riflettori accesi sulle password e sulle regole da adottare per garantire la propria cybersecurity.

Edizione di Messina-Sicilia

Apertura dedicata alla Giornata contro la violenza sulle donne: "ogni giorno sia il 25 novembre", con l'auspicio che l'azione di sensibilizzazione sia quotidiana e possa contrastare l'intollerabile dilagare.  A parlarne l'Istituto superiore Copernico di Barcellona, l'istituto superiore Jaci di Messina, il Comprensivo Gravitelli Paino e l'istituto Cannizzaro Galatti, che accende i riflettori anche sulle tematiche della diversità-unicità.

Le emergenze ambientali al centro dei lavori del Liceo Maurolico (i blitz di Just Stop Oli contro le opere d'arte), dell'Ic D'Arrigo di Venetico (l'economia circolare)  e degli istituti Pascoli Crispi (il riuso degli indumenti) e Paradiso (il risparmio idrico), mentre la Media Martino dell'Ic Tremestieri e l'Ic Cannizzaro Galatti   celebrano la Giornata dell'Albero. Sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza l'approfondimento del Liceo La Farina e dell'Ic Gravitelli Paino, mentre il Liceo Galilei di Spadafora, dopo il viaggio a Roma e l'udienza papale in Vaticano, riflette sul valore della religione nel tempo dell'adolescenza, in cui tutto è messo in discussione.

Spazio alle tematiche della legalità, con il tour dei carabinieri nelle scuole della città e della provincia e un appuntamento molto significativo: la celebrazione della patrona dell'Arma, Maria Virgo Fidelis, alla quale in Duomo a Messina hanno preso parte tante scolaresche per rinsaldare il clima di collaborazione e dialogo. Sull'incontro a Messina con il giudice Roberto Di Bella e il percorso Liberi di Scegliere torna invece l'Ic Manzoni Dina e Clarenza per ricordare le profonde emozioni  vissute.

Una interessante iniziativa è stata lanciata dall'Ufficio scolastico regionale Sicilia, il cui direttore generale Giuseppe Pierro ha coinvolto le scuole medie e superiori in un concorso di idee per il nuovo logo dell'ufficio: le proposte progettuali vanno inviate entro il 30 novembre.

Il Collegio S. Ignazio presenta il volume sulla PsicoPoetica con un evento tenutosi nell'aula magna del Collegio in un clima di attiva partecipazione studentesca,  mentre dal Liceo Archimede arriva una entusiasmante esperienza di studio all'estero, così come quella dell'Ic La Pira Gentiluomo nell'ambito del programma Erasmus. L'Ic Evemero Primaria Sperone descrive il legame con la città rafforzato dalla visione dello spettacolo di danza ispirato alla storia delle leggendarie eroine messinesi Dina e Clarenza, mentre l'Ic Giovanni Paolo II di Capo dOrlando presenta il laboratorio creativo con l'artista cileno Francisco Gabler. L'Ic Enzo Drago ha invece condotto un viaggio nella storia grazie all'incontro con il generale dell'esercito Salvatore Rampulla.  Tanta dolcezza dalle scuole secondarie dell'Ic Evemero, che ricorda l'importanza della gentilezza, e dell'Ic Mazzini che rende omaggio alla figura dei nonni.

Il film "La Stranezza" è commentato dal Liceo Archimede che ricorda il genio letterario di Pirandello, mentre l'Ic Paradiso ha scoperto l'inossidabile ironia dei Blues Brothers.

La rubrica di approfondimento firmata dal prof. Marco Centorrino, docente Unime di Sociologia della Comunicazione, accende i riflettori su un aspetto molto significativo - specie per i giovani - legato all'impatto della tecnologia sulle relazioni sociali e al crescente processo di "disembedding" e cioè il disancoraggio emotivo determinato dalla "distanza" digitale rispetto a interlocutori o contesti, fisicamente lontani. Una condizione che determina il crescente deteriorarsi degli atteggiamenti e del tenore della comunicazione, ad esempio sui social: l'invito è invece ad una rinnovata assunzione di responsabilità, ricordando sempre che "virtuale è reale".

Sulla pagina Atenei dello Stretto la redazione di UniVersoMe, la testata multiforme dell'Università di Messina, propone un reportage sulla condizione abitativa di studentesse e studenti fuori sede: interviste ironiche, tra case inadeguate, incidenti domestici e annunci" sessisti", per sollevare il problema sostanziale dell'impegno da parte delle istituzioni al fine di migliorare i servizi offerti a chi sceglie di studiare a Messina. Nella stessa pagina due storie di successo targate Unime: quelle della neolaureata di Soverato (CZ) che ha vinto il premio Maglio lanciato da Cip e Inail per la promozione delle tematiche su sport e inclusione e della specializzanda in Chirurgia Pediatrica premiata per la migliore comunicazione scientifica al congresso nazionale.

Edizione di Catanzaro-Crotone-Lamezia-Vibo

In apertura le iniziative organizzate dalle scuole di ogni ordine e grado per la campagna nazionale Libriamoci, giornate dedicate alla lettura.  Gli studenti e le studentesse del Liceo “Costanzo” di Decollatura hanno letto e commentato brani dei racconti di Saverio Strati e un passo tratto dal libro  'Il nome della rosa' di Umberto Eco. La scuola di primo grado di Vena Superiore- Primo Circolo di Vibo Valentia, invece, ha incontrato la scrittrice calabrese Giusy Staropoli Calafati, autrice del libro “Terra santissima”, candidato al premio Strega.

Gli alunni e le alunne del Comprensivo “M.G. Cutuli” di Crotone raccontano l’esperienza entusiasmante dei compagni di scuola che sono stati eletti a rappresentarli nel Consiglio Comunale delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi del Comune della loro Città.

Grande spazio per la Giornata internazionale dell'Infanzia e dell'adolescenza  celebrata il 20 novembre. L’ITT “G. Malafarina” di Soverato si veste di blu, col colore rappresentativo dell’UNICEF, mentre la scuola di primo grado del Comprensivo di S. Onofrio (VV), condividendo i principi della Convenzione ONU, evidenzia i diritti della salute e del benessere ricordando il lungo periodo di lockdown che i bambini hanno passato.

Al Comprensivo di Maierato dell’I.C. S. Onofrio (VV), momenti di studio con disegni e grafici ricchi di simboli per ricordare che ogni anno il 25 novembre si celebra la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Una studentessa dell’I.C. “Amerigo Vespucci” di Vibo Marina, attraverso articoli dei giornali ricorda la triste storia di Marie Trintignant, massacrata dal suo compagno. Un’altra storia, sempre molto emblematica, piena di pregiudizi e stereotipi, è quella di Paola Egonu, la signora della pallavolo italiana, raccontata con lucida obiettività e pathos da una studentessa del Liceo classico “Borrelli” di S. Severina (Kr).

Le tematiche della sostenibilità sono proposte dalle Consulte studentesche della Calabria che riportano il loro convinto impegno a favore del patrimonio naturale e la partecipazione alla fase conclusiva del progetto “Alberi: linfa della Città”, realizzato grazie alla stretta collaborazione tra l’Arma dei Carabinieri, Comando Forestali e Agroalimentare, il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica e quello dell’Istruzione e del Merito. Inoltre, il 22 novembre, hanno partecipato alla Festa degli Alberi a Reggio Calabria, presso l’Università Mediterranea della Città dello Stretto.

Ritorna la rubrica Cari “Amici” vi scrivo del Liceo “Campanella” di Lamezia Terme (Cz) che commenta le puntate del talent show condotto da Maria De Filippi.

Novembre con tradizioni, usi, antiche credenze popolari e i suoi valori simbolici è raccontato da alunni e alunne della scuola di primo grado di Vena Superiore del Primo Circolo di Vibo Valentia.

Una grande allegria e tanta creatività nelle immagini dei piccoli dell’Infanzia di Francavilla Angitola che con la coloratissima zucca, prodotto di stagione, si adoperano a realizzare un laboratorio collegato al benessere. Attività laboratoriali di lettura e scrittura creativa sui temi dell’autunno e dei suoi frutti per i piccoli della primaria dell’I.C. di Curinga, che esprimono i loro sentimenti con versi e tanti disegni.

Edizione Cosenza

I cinquant’anni dell’Unical celebrati con un incontro specifico dal Polo tecnico-scientifico Brutium sono in vetrina nella prima pagina dell’edizione cosentina. Attingendo dall’esperienza di ex matricole (tra cui la dirigente scolastica Rosita Paradiso) e del professore emerito dell’Unical Fantozzi, allievi e allieve hanno ripercorso virtualmente le tappe accademiche: dalla fondazione alle prospettive del campus di Arcavacata, un vero e proprio “tempio della cultura”, che negli anni ha valorizzato anche docenti di fama internazionale, come il professor Fortino, entrato nel gotha della ricerca. Restando in tema di studio e di ricerche, da sottolineare l’iniziativa del Liceo scientifico di Cariati che ha celebrato con un incontro al cospetto di esperti e docenti i dieci anni dalla scoperta della “particella di Dio”: il Bosone di Higgs. Seconda pagina dell’inserto bruzio dedicata interamente all’iniziativa “#ioleggoperché” che ha visto protagoniste molte scuole del territorio cosentino come il Liceo Lucrezia Della Valle, l’Ipsia-Iti di Acri e l’Istituto comprensivo Rende Quattromiglia. La sensibilizzazione si prende la scena nella terza pagina: a cominciare dall’intervista effettuata da studenti e studentesse dell’Alberghiero che hanno posto domande alla dirigente scolastica Cammalleri sul tema della violenza sulle donne; l’altro tema affrontato (dall’Ic Settino di San Pietro In Guarano) è l’educazione alimentare abbinata all’attività motoria. Spazio anche a una brillante analisi del testo di due romanzi (“Uno, nessuno e centomila”, “Il fu Mattia Pascal”) di Pirandello dal Liceo Scientifico Fermi di Cosenza. La quarta pagina dell’edizione cosentina è dedicata alla formazione: docenti dell’IISS Erodoto di Thurii di Cassano impegnati nell’Erasmus+ a Siviglia e i Licei di San Giovanni in Fiore che hanno ospitato (in streaming) una scrittrice del calibro di Dacia Maraini, intervenuta con la sensibilità e l’attenzione tipica di chi sa che il futuro del mondo dipende dalle giovani generazioni.

Edizione Reggio

Far conoscere a bambine e bambini i loro diritti e riflettere sui valori che stanno alla base della cittadinanza attiva, per costruire una migliore società. È questo l’obiettivo dell’incontro organizzato dall'Ic “Carducci – Vittorino da Feltre”  per celebrare la Giornata Internazionale per i diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. Appuntamento a cui hanno partecipato i rappresentanti delle istituzioni dalla vicepresidente della Regione Giusi Princi, al garante Antonio Marziale, all'assessora comunale all'Istruzione, Lucia Nucera.
Ai diritti sono state dedicate le attività delle classi dell'Ic Michele Macrì di Locri che hanno espresso in versi i loro pensieri.
La giornata dell'albero è stata protagonista delle attività dell'Ic Galileo Pascoli che supportati dagli attivisti di Legambiente hanno messo a dimora delle piante di melograno. Si sono rimboccati le maniche ed hanno contribuito a ripulire un tratto di spiaggia della Costa Viola alcuni giovani dell'Ic Giovanni XXIII di Villa San Giovanni che hanno raccontato la loro esperienza assieme ai volontari di Legambiente.
Il teatro diventa strumento didattico per conoscere le lingue come raccontano alcune classi dell'Ic Radice Alighieri dopo aver assistito allo spettacolo in inglese al Cilea. L'Ic Giuseppe Moscato ha ricordato in piazza con le istituzioni la strage di Nassiriya costata la vita ai militari italiani.
L'Università Mediterranea apre da giovedì la tre giorni di eventi dedicati al contrasto della violenza alle donne. La comunità studentesca ha elaborato un video, diversi i momenti di riflessione, così come sono previste alla cittadella diverse installazioni artistiche.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook