Lunedì, 06 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Noi Magazine

Home Video Noi Magazine Su Noi Magazine il modello All News e Unime Gds Lab. La Giornata della memoria nelle scuole

Su Noi Magazine il modello All News e Unime Gds Lab. La Giornata della memoria nelle scuole

Torna domani Noi Magazine, l'inserto "giovane" del giovedì pubblicato dal 1996 nelle quattro edizioni di Gazzetta del Sud: Messina-Sicilia; Reggio; Cosenza e Catanzaro-Crotone-Lamezia-Vibo e nato da un’idea del presidente e direttore editoriale di Ses Lino Morgante per offrire alle giovani generazioni uno strumento efficace di comunicazione e conoscenza. Prosegue anche il progetto "Gazzetta del Sud in classe con Noi Magazine", giunto alla quarta stagione e patrocinato dall'Ordine dei Giornalisti di Sicilia e dall'ufficio scolastico, aperto a tutti gli istituti scolastici e agli Atenei di Sicilia e Calabria per incentivare tra i giovani l'interesse all'informazione di qualità, alla lettura critica, alla scrittura responsabile nel segno della legalità, dell'inclusione, dell'equilibrio di genere, dell'educazione digitale, delle tematiche ambientali.

ll progetto punta anche a valorizzare l'approccio multimediale all'attualità e viene veicolato su tutti i canali del network Ses: il giornale cartaceo, il sito web gazzettadelsud.it, la tv Rtp, la radio Antenna dello Stretto e i canali social. Al progetto è collegata la GDS Academy, ciclo di eventi web in presenza e in collegamento, trasmessi in diretta sul canale youtube della Gazzetta del Sud rendendo i giovani protagonisti del dialogo con esperti e rappresentanti istituzionali.

In prima pagina: il modello All News e Unime Gds Lab con Paolo Petrecca

Nelle prime pagine di tutte le edizioni l’evento della GDS Academy in programma domani  giovedì 26 alle 10,30  all’Università di Messina, (in presenza e in diretta streaming sul canale youtube della Gazzetta e sulla pagina Fb di Unime) con la presenza del direttore di Rai News 24 Paolo Petrecca che inaugurerà la seconda edizione di Unime Gds Lab, il laboratorio di tecnica giornalistica promosso da Ses e da Unime. Presenti studenti e studentesse dell’Ateneo e delle scuole di Messina e della Calabria partecipanti al progetto.  Tra gli altri argomenti condivisi sulle edizioni la rubrica Noi e la Privacy che, anche in  vista della Giornata mondiale della Privacy del 28 gennaio prossimo, propone un approfondimento sull’uso dei droni e sui rischi per la riservatezza. La rubrica è promossa  nell’ambito dell’adesione di Società Editrice Sud al Manifesto di Pietrarsa, l’iniziativa del Garante per la Protezione dei Dati Personali per l’educazione digitale delle giovani generazioni.

Edizione Messina

In prima pagina, in occasione della Giornata Mondiale dell’educazione celebrata il 24 gennaio,  il contributo del presidente della sezione provinciale dell’ANDIS, l’associazione nazionale dei dirigenti scolastici, Bruno Lorenzo  Castrovinci, sull’ “edutainment” e cioè il modello educativo che propone un apprendimento scolastico anche attraverso attività ludiche. Il paginone centrale è dedicato alla Giornata della Memoria, con i lavori delle scuole che, in ogni ordine e grado, rileggono questa tragica pagina di storia al fine di trarne una lezione sempre attuale: ricordare per non rivivere. Coinvolti in questa edizione il Liceo Galilei di Spadafora, e gli istituti comprensivi Mazzini, Cannizzaro Galatti, Paradiso e S. Margherita di Messina,  Foscolo di Barcellona, Secondo di Milazzo. Intensa anche l’azione di sensibilizzazione promossa dal ministero dell’Istruzione e del Merito: il ministro Valditara nei giorni scorsi ha visitato con alcune scolaresche l’ex campo di sterminio di Auschwitz nell’ambito del Viaggio della Memoria mentre a Cracovia ha firmato con la presidente dell’UCEI (Unione delle comunità ebraiche italiane) Noemi Di Segni un protocollo d’intesa per incentivare la conoscenza della Shoah nelle scuole. Riflettori accesi sulle tematiche di prevenzione e educazione sanitaria con l’evento “Tieni alta la guardia” promosso a Messina per il 31 alle ore 9 dal Comune con l’Asp, l’Ufficio scolastico e gli ospedali del territorio e incentrato sulla sensibilizzazione dei giovani in tema di Aids.

Il Liceo Maurolico invita al rispetto senza pregiudizi in tema di orientamento sessuale, mentre l’Ic Manzoni Dina e Clarenza ricorda il dramma dei bambini soldato e l’Ic Mazzini Gallo la giovane iraniana Masha Amini. Il Liceo La Farina stigmatizza gli episodi di violenza nell’ambito di manifestazioni calcistiche, che macchiano i valori dello sport, mentre il Collegio S. Ignazio annuncia il progetto di servizio civile universale che potrà essere svolto anche nell’ambito delle attività scolastiche: domande fino al 10 febbraio. L’IIS Jaci racconta l’emozionante esperienza vissuta accogliendo una studentessa bulgara nell’ambito del programma Erasmus+, mentre l’Ic Drago annuncia di avere vinto un premio al concorso che onora la memoria delle Vittime del Dovere. Una ballata in inglese (con traduzione) è stata composta dal Liceo Archimede, immaginando un accorato dialogo tra Dante e Francesca da Rimini.

L’Ic Gravitelli Paino ha ospitato  la coloratissima mostra del pittore GiOtto, che ha anche accolto studentesse e studenti nel suo laboratorio creativo, mentre l’Ic Pascoli Crispi ha visitato il MARC di Reggio per ammirare i Bronzi di Riace. L’Ic S. Francesco di Paola ricorda un amato insegnante di musica scomparso, mentre l’IIS Copernico rilancia le tematiche legate alla tutela dell’ambiente, l’Ic La Pira Gentiluomo racconta invece il progetto di valorizzazione e conoscenza degli agrumi.

Il sociologo prof. Marco Centorrino invita a riflettere sui tanti meme che hanno accompagnato la diffusione delle notizie sulla cattura di Messina Denaro, argomento di cronaca sul quale si sofferma anche l’Ic Cannizzaro Galatti.

Nella pagina Atenei dello Stretto la redazione di UniVersoMe, la testata giornalistica studentesca dell’Università di Messina, ricorda il giornalista Mario Francese, nell’anniversario della sua uccisione avvenuta a Palermo il 26 gennaio del 1976. Parte il viaggio tra i Dipartimenti Unime con quello di Giurisprudenza, che ha appena ricevuto  il riconoscimento di Dipartimento di eccellenza dal MUR.

Edizione Catanzaro-Crotone-Lamezia - Vibo

In prima pagina, sempre in tema di comunicazione   il Liceo Classico Borrelli di Santa Severina (Crotone) si sofferma sulla metamorfosi del linguaggio nell'era dei nativi digitali, della Generazione Z.   Apre una finestra sull'accoglienza e solidarietà l'Ipsseoa di Soverato che racconta l'esperienza vissuta a Camini (RC) con la visita alla cooperativa sociale "Jungi Mundu" dove gli operatori offrono ai migranti ospiti anche opportunità lavorative. La Secondaria di I Grado di Vena Superiore (I Circolo Vibo) per  "Letti per Noi"  racconta della Danimarca e del libro di Giacomo Mazzariol "Mio fratello rincorre i dinosauri". Sempre dalla stessa scuola una riflessione sugli emoji.

Cultura, scienza e arte in primo piano al Liceo statale Campanella di Lamezia Terme, Istituto che  fa anche il punto (nella rubrica Cari "Amici" vi scrivo) sulla nota trasmissione televisiva di Maria De Filippi, ricca di colpi di scena. Tematiche adolescenziali in primo piano al Liceo Scientifico Berto di Vibo Valentia dove studentesse e studenti hanno incontrato lo psicologo Ezio Aceti, mentre  una "Scuola dei diritti" è stata realizzata dal plesso dell'Infanzia del Pennello (Ic Vespucci) di Vibo Marina. Consulte studentesche, invece,  protagoniste alla cerimonia dell'Ancri in occasione della Giornata della Bandiera.  Iniziato anche il Viaggio nella memoria con riflessioni sulla Shoah  da parte della Secondaria di I Grado di Filogaso - Ic Sant'Onofrio (VV), della Primaria dell'Ic di Curinga (CZ) e dell'Ipsia di Filadelfia che ha celebrato la Giornata della Memoria con una visita didattica nel campo d'internamento Ferramonti di Tarsia (CS) dove, nonostante le privazioni del tempo, l'umanità non è mai venuta meno.

Edizione Cosenza

“Chi dimentica il passato” è destinato a ripeterlo. Nella prima pagina dell’edizione cosentina di Noi Magazine campeggia il titolo dell’incontro in preparazione alla Giornata della Memoria promosso dall’Industriale Monaco di Cosenza alla presenza di Pina Brenner, poetessa cosentina e figlia di uno dei sopravvissuti all’Olocausto. Nella seconda pagina, ampio spazio al Tedx, manifestazione che coniuga il sapere, la tecnologia e l’innovazione, portata avanti con grande entusiasmo da studentesse e studenti del “Pitagora”. Spicca anche la riflessione sull’importanza del mangiar sano: evento a firma dell’Alberghiero Tommasi Mancini di Cosenza, che ha ospitato un incontro ad hoc dedicato all’importanza delle proteine nella nostra alimentazione. L’esperienza dell’Erasmus+, invece, ha stregato la rappresentanza docente dell’Ic Lanzino che ha in programma altri viaggi di istruzione sia per studenti e studentesse che per i prof. Tempo di riflessione in vista di una decisione importante per alunne e alunne del Comprensivo di Montalto che si apprestano a cambiare grado di scuola. La preziosa saggezza dei nonni e delle nonne merita una vetrina in corrispondenza della manifestazione intergenerazionale organizzata dal Comprensivo di Mandatoriccio. Grande festa per alunne e alunni del Comprensivo di San Pietro in Guarano che hanno celebrato l’inaugurazione del nuovo plesso scolastico alla presenza delle autorità. Esperienza unica, infine, per una rappresentanza dell’Ic Lanzino che ha visitato il Museo diocesano e il Duomo di Cosenza.

Edizione Reggio

Lo sterminio del ghetto di Terezin raccontato attraverso i disegni delle bambine e dei bambini di allora. Una ricerca condotta dall'Ic Cassiodoro Don Bosco che passa in rassegna anche l'esperienza dell'unico numero di un giornale che quei piccoli scrissero durante quella pagina buia. Il percorso di legalità avviato all'Istituto comprensivo di Delianuova si è concentrato sul fenomeno del bullismo. Dopo aver analizzato tanti elementi ricorrenti nei casi di prepotenza, la ricetta individuata è quella di non rimanere spettatori, ma prendere posizione aiutando le vittime. I flussi migratori e la scoperta del proprio territorio: attraverso la lettura delle pagine del libro dell'antropologo Vito Teti, all'Ic Radice Alighieri si guarda al proprio luogo di origine con diverso approccio. All'Istituto comprensivo Giovanni XXIII si festeggia l'apertura dell'orto scolastico. Un nuovo spazio esterno all'istituto che diventa anche luogo di incontro, frutto del progetto Edugreen, finanziato dal fondo europeo di sviluppo regionale. Dalla disciplina del rugby, la comunità scolastica dell'Ic Corrado Alvaro-Giudice Scopelliti, avvia il percorso sport e legalità, iniziativa che vede come partner anche i rappresentanti della Federazione e delle Fiamme oro della Polizia. La rappresentazione al Cilea dell'opera di Rossini il Barbiere di Siviglia accende l'entusiasmo per il teatro e la grande musica delle classi dell'Istituto Radice Alighieri.
L'Università Mediterranea apre le porte al territorio e avvia le attività di orientamento rivolte alle scuole, percorso in cui individuare sogni e speranze delle giovani generazioni reggine che si snoda tra incontri e attività laboratoriali.

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook