Lunedì, 18 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

Formula 2, terribile incidente in Belgio: muore il pilota francese Hubert - Video

Il tempio della velocità di Spa è diventato teatro di un nuovo dramma dell’automobilismo. Poco dopo la partenza della gara di Formula 2, un incidente ha coinvolto tre monoposto e la sua spaventosa dinamica ne ha fatto subito capire la gravità, confermata nel giro di poco tempo dalla comunicazione del decesso di uno dei tre piloti coinvolti, il 22enne francese Anthoine Hubert, del team Arden, alla prima stagione nella categoria.

La sua monoposto si è schiantata sulle barriere a lato della salita che porta al Raidillon ed è rimbalzata in pista, venendo speronata e spezzata in due da quella di un altro concorrente, l’ecuadoriano Juan Manuel Correa, rimasto gravemente ferito con fratture ad entrambe le gambe e ricoverato a Liegi. Lievi conseguenze, invece, per il terzo pilota, Giuliano Alesi, figlio dell’ex ferrarista Jean, controllato presso il centro medico del circuito.

La gara era al suo secondo giro ma è stata subito annullata, mentre la Fia ha già avviato un incidente sulle cause che lo hanno determinato. Su quel punto del tracciato le monoposto della Formula 2 raggiungono velocità superiori ai 250 kmh e lo scontro tra la monoposto ormai senza controllo del francese e quella che sopraggiungeva in pieno dell’americano è stato devastante.

La dinamica ha ricordato quello che nel 2001 al Lausitzring coinvolse Alex Zanardi, quando la sua vettura Cart fu centrata nella parte laterale anteriore da quella del canadese Alex Tagliani e rimase spezzata, provocando l'amputazione di entrambe le gambe del pilota italiano. Per Hubert, l’impatto è stato invece fatale. Il giovane nato a Lione avrebbe compiuto 23 anni tra meno di un mese, il 22 settembre, e da qualche mese aveva coronato il sogno di salire su una Formula 2.

Aveva già vinto due gare, a Monaco e Le Castellet, accrescendo il suo palmares che comprendeva già il titolo di campione di Francia F4, conquistato nel 2013, e quello di GP3 vinto lo scorso anno con il team francese ART Grand Prix, alla sua seconda stagione nella categoria. Dal maggio dello scorso anno, ere stato chiamato alla Renault Sport Academy, segno che veniva considerato una delle promesse dell’automobilismo d’Oltralpe.

Sono gravi, ma stabili al momento, le condizioni di Correa, ricoverato all’ospedale di Liegi. Anche lui giovanissimo, 20 anni, e alla prima stagione nella Formula 2 dopo due annate nella GP3. In pista c'era anche Mick Schumacher, che in serata ha postato su twitter una frase per Hubert, con una foto che li ritrae insieme: «Il destino è brutale. La perdita è infinita. Anthoine, ci manchi già», scrive il figlio di Michael Schumacher, devastato come molti altri piloti che gareggiavano con il francese e si sono uniti al cordoglio e al dolore della famiglia.

Sempre in serata, Formula 1, Formula 2 e Formula 3 hanno diffuso un comunicato congiunto in cui si esprime «profonda tristezza» per la scomparsa di Anthoine Hubert, una persona «gentile con tutti, sempre sorridente e dal contagioso atteggiamento positivo». «Vorremmo estendere le nostre più sentite condoglianze alla famiglia, ai cari e agli amici di Anthoine e inviare le nostre più sentite condoglianze all’intero team di Arden». Ovviamente è stata cancellata anche la gara di F2 di domani.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook