Giovedì, 22 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Occhio ai torrenti Scifi e Catalimiti
FORZA D'AGRO

Occhio ai torrenti Scifi e Catalimiti

forza d'agrò, genio civile, matteo francilia, nanni ricevuto, torrenti, Sicilia, Archivio

Stamane il consigliere provinciale dell’Udc, Matteo Francilia, ha inviato una nota urgente al presidente della Provincia, Nanni Ricevuto, in merito al pericolo di esondazione dei torrenti Scifì e Catalimiti ricadenti nel Comune di Forza D’Agrò. Attenzione massima per lo stato di assoluta emergenza in cui si trovano i due torrenti che ricadono in frazione Scifì, i quali hanno visto innalzarsi in modo significativo i loro alvei a seguito delle alluvioni verificatesi nelle scorse stagioni. Francilia ha chiesto a Ricevuto di intervenire presso l’Ufficio del Genio Civile in modo tale che si possano celermente mettere in campo gli interventi di pulizia e manutenzione degli alvei torrentizi prima che l’approssimarsi della stagione invernale possa portare precipitazioni tali da dare inizio a sconvolgimenti dell’assetto idrogeologico del territorio.

Francilia ha chiesto inoltre che venga coinvolta l’Ente di Sviluppo Agricolo per la realizzazione della risagomatura degli alvei dei torrenti con i mezzi ed il personale qualificato che questa ha a disposizione e che il materiale di risulta venga utilizzato per il ripascimento dell’arenile. “L’intervento su cui oggi richiamiamo l’attenzione delle Istituzioni provinciali è solo l’ultimo in ordine di tempo, – ha dichiarato Francilia – già nei mesi scorsi abbiamo evidenziato lo stato di fatto dell’alveo del torrente Savoca, il cui livello ha superato nettamente quello dei centri abitati di Santa Teresa di Riva e Furci Siculo”. La questione riguarda anche altri corsi d'acqua, come il Sirina, il Santa Venera, il Savoca, l'Agrò, il Nisi e lo Scaletta.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook