Domenica, 05 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Camilleri: Monti nuoce alla lingua con termini stranieri
LECTIO MAGISTRALIS

Camilleri: Monti
nuoce alla lingua
con termini stranieri

camilleri, lingua italiana, monti, Sicilia, Archivio, Cultura

"A me la nostra lingua non sembra star molto bene e che non si faccia niente per curarla sicché le sue condizioni di salute peggiorano col trascorrere del tempo". 

Lo ha affermato in un passaggio della sua lectio magistralis lo scrittore Andrea Camilleri, che oggi ha ricevuto dall'Università di Urbino la laurea honoris causa in lingue, tornando a bacchettare il presidente del Consiglio Monti, "il primo, certamente in totale buonafede, a collaborare a una più sottile e pericolosa e devastante forma di colonizzazione, quella della lingua italiana da parte di lingue straniere". Proprio lui, ha insistito Camilleri, "parlando di spread o di spending rewiew è il primo a dare il cattivo esempio. 

Monti però non fa che continuare una pessima abitudine dei nostri politici, basterà ricordare parole come 'election day', 'devolution','premier' e via di questo passo. Oppure creando orrende parole derivate tipo 'resettare'. Tutti segni, a mio parere, non solo di autosudditanza ma soprattutto di un sostanziale provincialismo". "Da qualche anno a questa parte - ha ricordato Camilleri - la traduzione in italiano di tutti gli atti dell'Unione Europea è stata abolita. L'obbligatorietà della traduzione rimane per l'inglese, il francese e il tedesco. E questo senza che nessun politico italiano vigorosamente protestasse, pur essendo l'Italia uno dei paesi fondatori della Ue". "Se all'estero la nostra lingua è tenuta in scarsa considerazione, da noi - ha aggiunto - viene quotidianamente sempre più vilipesa e indebolita da una sorta di servitù volontaria e di assoggettamento inerte alla progressiva colonizzazione alla quale ci sottoponiamo privilegiando l'uso di parole inglesi. 

E c'é di più. Un esempio per tutti. Mi è capitato di far parte, quale membro italiano, della giuria internazionale del Premio Italia annualmente indetto dalla Rai con sede a Venezia. Ebbene, il regolamento della giuria prevedeva come lingua ufficiale dei giurati quella inglese, senza la presenza di interpreti. Sicché uno svedese, un russo, un francese e un giapponese e un italiano ci trovammo costretti ad arrangiarci in una lingua che solo il rappresentante della Bbc padroneggiava brillantemente. Va da sé - ha concluso - che la lingua ufficiale, in Francia, del Festival di Cannes è il francese, la lingua ufficiale in Germania del Festival di Berlino è il tedesco".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook