Domenica, 25 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Primarie Pd la carica dei 1500
AL VIA LA SFIDA

Primarie Pd
la carica dei 1500

primarie pd, Sicilia, Archivio, Cronaca

In quasi 1500, tra big e peones, puntano al voto degli elettori per entrare nelle liste del Pd in una sfida "ai limiti dell'impossibile", come lo stesso Pier Luigi Bersani ha ammesso per lo sforzo di volontari e aspiranti onorevoli. "Chi perde non sarà recuperato nel listino" assicura il Pd per smorzare tensioni e malumori della vigilia, in primis in Puglia dove tre consiglieri regionali, non ammessi alla gara, si sono autosospesi dal partito. Volenti o nolenti, quasi tutti nel Pd, tranne chi di fatto sa già che sarà nella 'quota protetta' del 10 per cento, si sono messi in gioco, rischiando la candidatura: dai decani, che hanno ottenuto la deroga per il limite dei tre mandati, come Anna Finocchiaro e Rosy Bindi, che corrono 'fuori sede' a Taranto e Reggio Calabria, ad alcuni membri della segreteria Pd, come Stefano Fassina e Matteo Orfini in corsa a Roma.

"Spero che molti nostri iscritti ed elettori partecipino alle primarie del prossimo 30 dicembre. Tra i candidati di Roma, che apprezzo e ringrazio tutti per aver accettato questa sfida, il mio sostegno particolare va a due persone che conosco da anni e con le quali ho percorso tratti di strada in comune: Lorenza Bonaccorsi e Roberto Giachetti". Lo afferma Matteo Renzi. "Roberto è tra i parlamentari più competenti e combattivi, uno dei pochi che ha cercato davvero di cancellare il Porcellum, mettendoci la faccia. Lorenza ha coordinato i comitati che mi hanno sostenuto alle primarie qui nel Lazio e porterebbe in Parlamento grinta e voglia di cambiare. Per chi crede nella buona politica Bonaccorsi e Giachetti sono due buoni investimenti", conclude.

 

Autostrade più care dal primo gennaio. E' in arrivo un aumento medio del 3,91%, ma l'incremento può essere anche più alto, fino a toccare il +14% nelle autovie Venete. E' quanto riporta oggi Il Sole24ore che anticipa così il contenuto dei decreti che autorizzeranno i rincari richiesti dalle società concessionarie in base agli investimenti fatti. 
L'anno nuovo - scrive il Sole24ore - comincerà ancora una volta con una sorpresa amara per chi si è messo in viaggio in auto per le vacanze natalizie. L'aumento medio dei pedaggi sarà del 3,91%, contro il 3,3% del 2011 e il 3,1% del 2012. E' questa una percentuale "media", perché il range degli aumenti è ampio a seconda della tratta considerata: si potranno avere incrementi inferiori all'1% e rincari tra il 10 e il 14%, che saranno registrati sulle autostrade della Valle d'Aosta, complice le caratteristiche delle concessionarie e del territorio. Con tutta probabilità - scrive il quotidiano - anche le Autovie Venete potrebbero avere un incremento attorno al 13%. In generale, la convenzione che raggruppa il maggior numero di tratte autostradali, tra cui la Milano-Roma-Napoli, dovrebbe ottenere un incremento attorno al 3,55%, contro il 3,51% del 2012. Ci sono poi altre sei concessioni gestite da Autostrade per l'Italia attraverso società controllate, che registrano aumenti a parte: Tangenziale di Napoli, Traforo del Monte Bianco, Autostrade Meridionali e raccordo della Valle 'Aosta, quest'ultima una della delle concessionarie valdostane che segnerà un incremento attorno al 14%. Per l'autostrada tirrenica, invece, l'incremento dovrebbe variare tra il 4 e il 5%. Queste, almeno, precisa il quotidiano sono le richieste avanzate dalle società concessionarie sulla base degli investimenti fatti che dovranno trovare autorizzazione nei decreti del ministero delle Infrastrutture.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook