Lunedì, 20 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo
BARCELLONA POZZO DI GOTTO

I funerali di Perdichizzi
all'alba. Non pubblici.
E' la prima volta

Un viaggio silenzioso, una breve cerimonia e poi la tumulazione al cimitero di Barcellona alla presenza dei familiari e pochi amici. Si sono celebrati stamani all’alba in forma strettamente privata,come voluto dal questore di Messina Carmelo Gugliotta, i funerali del 41enne Giovanni Perdichizzi ucciso la sera di capodanno in un bar di piazza S.Antonino. All’origine del provvedimento, preso per la prima volta a Messina, motivi di sicurezza ma anche un forte segnale simbolico. Lo Stato può vietare, infatti i funerali pubblici a chi viene ucciso per mafia e la linea adottata dal questore ha trovato d’accordo un po’ tutti dai magistrati che indagano su questo delitto ai vertici di Polizia e Carabinieri. Il provvedimento è stato notificato ai familiari di Perdichizzi solo nella serata di ieri dopo l’esecuzione dell’autopsia. Era tutto pronto nella basilica di San Sebastiano a Barcellona per celebrare oggi pomeriggio il rito funebre ma il programma è stato completamente ribaltato. Stamattina alle 5,30 il carro funebre ha lasciato il Policlinico dove ieri è stato eseguito l’esame autoptico e, scortato da alcune auto della Squadra Mobile, ha raggiunto il cimitero di Barcellona. Alle 6,30, dopo un breve rito, la salma è stata tumulata.  Intanto proseguono le indagini per tentare di identificare i due sicari che hanno teso l’agguato mortale. In questore gli investigatori stanno esaminando alcune immagini,purtroppo non molto chiare, registrate da un sistema di videosorveglianza della zona di piazza Sant’ Antonino. Si vedono i due killer su uno scooter Yamaha T-Max arrivare nei pressi del bar Jolly ma anche ingrandendole non è possibile risalire all’identità dei due sicari. Nessuna traccia neanche della moto. Nelle ultime settimane nel messinese non risultano furti di T Max e non sono state trovate motociclette incendiate dopo l’omicidio del primo gennaio. Continuano gli interrogatori e le perquisizioni in casa di pregiudicati e si attendono gli esami degli stub eseguiti nei giorni scorsi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook