Giovedì, 05 Agosto 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Manovre in atto per il congresso
PD

Manovre in atto
per il congresso

congresso regionale, diamante, ernesto magorno, franco laratta, pd, Sicilia, Archivio
pd diamante

Se a Roma lo scontro interno al Partito democratico si sta consumando sul governissimo piuttosto che sulle larghe intese, in Calabria la sfida tra le varie correnti è tutta incentrata sul prossimo congresso regionale che dopo tre anni di commissariamento dovrebbe riportare ad una gestione normale. Un congresso che si preannuncia molto agguerrito e che potrebbe vedere la non partecipazione della componente renziana, che a Cosenza è guidata dal neo deputato e sindaco di Diamante Ernesto Magorno che detta in maniera chiara le condizioni: partecipazione a tutti anche in deroga allo statuto e prevedendo la possibilità di voto anche a chi decide di iscriversi il giorno stesso; progetto politico chiaro in direzione del rinnovamento e non solita spartizione dei posti, fuori le persone che hanno determinato il commissariamento del partito. “Il commissario D’Attorre, fin qui si è preoccupato solo dei commenti romani e non ha – ha evidenziato Magorno – lavorato sul territorio e per il territorio”. Una linea condivisa da molti nel partito come emerso dall’incontro di Diamante, uno dei tanti avviati sul territorio e che ha visto anche la partecipazione di Salvatore Perugini e dell’uscente Franco Laratta che sul congresso rincara e rilancia anche la questione catapultati “In questi incontri territoriali molti ci dicono che non voteranno più il partito – ha detto Laratta – se ci sarà alle prossime politiche l’imposizione di candidati non calabresi”. E per Laratta  il nuovo corso deve puntare anche sulla trasparenza e quindi fare chiarezza sulle primarie per la scelta dei candidati alle scorse politiche su cui ci sono ombre di presunto inquinamento “I dirigenti provinciali di Cosenza facciano chiarezza, presentino pubblicamente i registri, i verbali delle votazioni. Solo cosi si fugheranno i dubbi altrimenti resteranno ombre e sospetti che non fanno bene al PD che deve invertire la rotta e tenere conto delle istanze di cambiamento. Insomma, il dibattito c’è, è vivace, teso. Avrà il PD la capacità di rinnovarsi? 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook