Mercoledì, 07 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Randagi impiccati sdegno e indifferenza
SPEZZANO ALBANESE (CS)

Randagi impiccati
sdegno e indifferenza

cani impiccati, randagismo, spezzano albanese, Sicilia, Archivio

Due cani randagi impiccati nei pressi del cimitero. La notizia ha riacceso il dibattito a Spezzano Albanese su un fenomeno tanto diffuso quanto ignorato e sottovalutato. C’è chi condanna il gesto barbaro, c’è chi chiude frettolosamente l’argomento evidenziando il pericolo dei troppo randagi, c’è chi resta indifferente. Ma l’impiccaggione dei due cani, tra l’altro molto conosciuti a cui erano stati dati i nomi di Tom e Sagat,  conferma la necessità di un maggiore rispetto per i cani e di una maggiore attenzione anche da parte degli enti locali nell’accudire queste povere bestiole, anche se si sa le casse comunali languono e sono in pochi a preoccuparsi di assistere i randagi. Per fortuna ci sono dei volontari come Agostino e Daniela che in questo piccolo centro arbereshe da sempre si prendono cura dei cani abbandonati. Più volte avevano salvato la vita a Tom e Sagat, questa volta non ci sono riusciti. Qualcuno sicuramente sadico ha deciso che i due animali dovevano essere soppressi nel modo più cruento, facendoli morire soffocati tra atroci sofferenze. Agostino e Daniela fanno quello che possono anche nei comuni limitrofi. Qualche tempo fa hanno salvato la vita ad un cane investito da un’auto, e poi azzannato da altri randagi. Sono riusciti, grazie all’aiuto di tante persone sensibili e generose che hanno fatto una colletta a farlo trasferire in un centro veterinario di Bari dove è stato curato e probabilmente presto potrà tornare anche a correre.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook