Giovedì, 23 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Una casa di vetro per i delfini
ACQUARIO DI GENOVA

Una casa di vetro
per i delfini

Sarà inaugurata il 26 luglio prossimo la nuova casa di vetro per Nau e la sua famiglia, i delfini che vivono all'Acquario di Genova. E sarà una struttura completamente rinnovata a fare da cornice all'apertura del nuovo padiglione dei cetacei.
   L'innovativa ala disegnata e progettata dallo studio dell'architetto genovese Renzo Piano costituisce un importante ampliamento dell'Acquario nel suo ventunesimo anno di vita. L'inedito padiglione - unico nel suo genere e realizzato grazie all'impegno congiunto di Porto Antico, Costa Edutaiment e Comune di Genova - avrà la particolarità di avere un impatto visivo 'leggero' sull'area grazie alla superficie in vetro del lato Sud ed all'altezza del percorso visitatori che si trova a soli tre metri dalle acque dell'Expò.
   All'interno grande spazio sarà dedicato proprio ai cetacei che potranno contare su quattro vasche a cielo aperto (la principale, la nursery, la medica e quella curatoriale) dove potranno essere ospitati fino a dieci tursiopi. Il percorso di visita è strutturato su due livelli: il primo permette di avere una visione della 'main pool' direttamente dall'alto e, attraverso una parete espositiva di 30 metri, consente di ascoltare in presa diretta i suoni e i modi di comunicazione adottati dai delfini. Inoltre i visitatori potranno, utilizzando le carte d'identità dei sei cetacei attualmente presenti nella vasca (quattro femmine e due maschi), imparare a riconoscere Linda, Naù, Betty, Mia, Robin e Teide. Non manca in questa area anche un importante spazio dedicato al 'santuario Pelagos', l'area marina protetta di circa 90 metri quadrati creata nel 2001 grazie ad un accordo tra Francia, Italia e Monaco.
   La nuova ala espositiva dell'Acquario sarà anche senza barriere architettoniche. Al piano superiore i visitatori con disabilità motorie potranno ammirare le vasche e avvicinarsi ai cetacei attraverso una speciale piattaforma a cielo aperto dove saranno assistiti da personale della Costa Edutaiment. Dall'ala riservata ai cetacei si accede poi in un rinnovatissimo padiglione 'Biodiversità', all'interno della Nave Blu. Qui grazie ad un importante lavoro di restyling si potrà ammirare la costa rocciosa Mediterrannea che ospita la vasca tattile, l'area dedicata al Madagascar con la laguna tropicale completamente riallestita, l'area didattica dei coralli dove è possibile ricostruire la scogliera corallina tropicale, la parete vegetale progettata dal architetto francese Patrick Blanc e la ricostruzione della foresta malgascia degli Tsingy.
   Il percorso poi prevede l'accesso al secondo livello del nuovo padiglione dei cetacei. I visitatori transiteranno in un tunnel vetrato lungo circa 15 metri, che si addentra all'interno della vasca principale. La struttura creata dagli architetti Micheal Oleksak e Ginette Castro permetterà una vera e propria suggestiva 'immersione' insieme ai delfini. Ci sarà poi anche la possibilità di approfondire il tema della ricerca sui cetacei e di adottare un delfino attraverso la app 'Happy Fin'.
   Genova si prepara a festeggiare il nuovo padiglione dei cetacei con due giorni di avvenimenti, spettacoli e incontri che cominceranno giovedì 25 luglio e termineranno, il giorno successivo, con lo spettacolo pirotecnico del Porto antico previsto per le 23.30 di venerdì. Tra gli appuntamenti più rilevanti un convegno di palazzo Ducale sul tema del mare e delle arti in difesa di questa risorsa naturale, uno spettacolo teatrale all'Archivolto con una presentatrice d'eccezione come Geppi Cucciari, un concerto della Premiata Forneria Marconi accompagnata da 31 orchestrali con un palco in mezzo al mare e suggestive installazioni luminose in tutta l'area del Porto Antico.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook