Mercoledì, 05 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Silvio Berlusconi affonda il Governo
E' CRISI

Silvio Berlusconi
affonda il Governo

  Berlusconi apre la crisi di governo ordinando ai cinque ministri PdL di dimettersi e così azzerando le speranze, già ridotte al lumicino, del Presidente Napolitano e del premier Letta di rilanciare, con una verifica in Parlamento, l’azione di governo. Letta vuole comunque un «chiarimento » davanti alle Camere per verificare i “numeri” ma soprattutto per addossare al Cavaliere – davanti al Paese – la responsabilità di un «gesto folle compiuto solo per motivi personali» (il 4 ottobre si riunirà la Giunta del Senato per decidere sulla decadenza di Berlusconi, condannato in via definitiva per la vicenda dei diritti tv, e il sì all’estromissione del Cavaliere sembra scontato). Dopo l’accelerazione dell’annuncio delle dimissioni di massa dei parlamentari, Berlusconi ha quindi consumato l’ultimo strappo dopo una riunione ristrettissima alla quale, a quanto si apprende, hanno partecipato Daniela Santanchè e Denis Verdini. «L’ultimatum di Letta – “Basta ricatti sulla decadenza di Berlusconi, prendere o lasciare” –  è irricevibile e inaccettabile» per il Cavaliere, che addossa al Pd la colpa della mancata approvazione del decreto per evitare l’aumento dell’Iva. Un’accusa che viene bollata dal Pd come una bugia ridicola e che Letta respinge: gli italiani non sono stupidi e non “abboccheranno” al Cavaliere che «gira la frittata » visto che è stato proprio il PdL, annunciando le dimissioni di massa, a immobilizzare il governo e a trascinarlo verso la crisi. Letta, ieri, aveva deciso di trascorrere un pomeriggio in famiglia per concentrarsi sul discorso programmatico su cui verificare martedì la maggioranza, ma è stato informato dal vicepremier Alfano sulla decisione dei ministri PdL di dimettersi. Oggi il premier salirà al Quirinale, quando il Capo dello Stato rientrerà dalla trasferta a Napoli, per decidere insieme le prossime mosse; ieri al telefono un primo confronto sulla situazione. Letta ha sentito anche il segretario Pd Epifani che considera la scelta di Berlusconi un’ulteriore azione di sfascio: i problemi giudiziari di una sola persona anteposti come sempre all’interesse del Paese.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook