Mercoledì, 28 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Una famiglia su 5 non ha fatto regali
NATALE DI CRISI

Una famiglia su 5
non ha fatto regali

crisi, natale, Sicilia, Archivio, Cronaca

Una famiglia su cinque per Natale non ha fatto regali e la spesa ha registrato una contrazione dell'11,4% rispetto all'anno passato. Sono i calcoli effettuati dall' Osservatorio Nazionale Federconsumatori che ha stilato il bilancio delle spese effettuate dagli italiani per i regali natalizi, reinterrogando il proprio campione e rielaborando tutti i dati. La spesa media delle famiglie è stata pari a 131 euro e complessivamente si e' attestata su 3,350 miliardi. L'andamento e' stato differenziato settore per settore. L'osservatorio Federconsumatori stima che la contrazione e' stata dal 12,7% per abbigliamento e calzature, del 31% per mobili, arredamento ed elettrodomestici (nonostante gli incentivi), del 7,3% per la profumeria, del 6,1% per l'elettronica di consumo. Gli italiani hanno rinunciato anche ai viaggi - -16,2% e' la contrazione sul settore turismo - e segnano un calo anche settori che tradizionalmente hanno una maggiore tenuta, come quello dei giocattoli (-1,5%) e dell'alimentazione (-1,5%). Tiene solo la vendita di libri e cd (+1,2%)''soprattutto grazie alle forti promozioni ed ai prezzi comunque contenuti''. ''Continuano a impressionare - sostengono i consumatori -invece, i dati relativi al settore alimentare e dei giocattoli, vale a dire i comparti generalmente più "gettonati" durante le festività natalizie che registrano rispettivamente un calo del -0,9% e del -2%, mentre meno meraviglia desta il dato dei Tecnologici anche per i prezzi elevati dei singoli prodotti''. Federconsumatori e Adusbef indicano ''tra gli elementi che hanno pesato maggiormente sulla crisi dei consumi di Natale, oltre al livello infimo raggiunto dal potere di acquisto delle famiglie, vi è: - l'aumento di disoccupazione: dal 10,7 del 2012 al 12,4% attuale, cassa integrazione per 1 MLD di ore; - la difficoltà di molte piccole imprese che non hanno pagato,rinviandole ad altra data,le tredicesime mensilità. - le incertezze sui pagamenti delle varie tasse sulla casa ( Tares-Tari-Tasi- Iuc-Imu)'' "E' evidente - affermano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti - che di fronte ad una situazione simile il Governo non può rimanere inerte, deve avviare al più presto misure mirate per stimolare una ripresa della domanda di mercato e degli investimenti per lo sviluppo e la ricerca, fondamentali per rilanciare l'occupazione, soprattutto quella giovanile, oltre a maggiore chiarezza e ridimensionamento delle tassazioni".

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook